Formula 1Test Formula 1

Tsunoda è sceso in pista ad Imola per un test di F1 con l’AlphaTauri

Il pilota giapponese Yuki Tsunoda è sceso a bordo dell’AlphaTauri 2018 per un test su una F1 all’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola

Il pilota di Formula 2 in ottica Red Bull, Yuki Tsunoda nella giornata di oggi è sceso in pista con l’AlphaTauri all’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola, per effettuare un test per la prima volta in carriera su una F1.

L’uscita in pista a Imola è avvenuta a bordo della STR13 monoposto del 2018, con Yuki Tsunoda che sembra essere in ottica AlphaTauri come compagno di Pierre Gasly per la stagione di F1 2021, con il test di oggi che sembrerebbe il primo passo per adattarsi nella massima serie automobilistica.

Quello di oggi però non è il primo contatto con il team di Faenza. Infatti, nel mese di ottobre, il giapponese ha visitato proprio lo stabilimento del team per prendere posto e imparare qualcosa in più su come funziona una monoposto di Formula 1, e nello specifico ha iniziato a studiare la complessità del volante.

L’ESPERIENZA

Sui profili social del team il giovane pilota giapponese, ha detto: “È la prima volta che salgo su una monoposto di Formula 1, due anni fa non potevo immaginarlo. Abbiamo provato a regolare perfettamente il sedile e mi sono preparato per il circuito di Imola. La cosa più difficile è stata capire il volante”.

L’OPINIONE DEL TEAM

Il team principal Franz Tost, ha ammesso di avere un buon feeling con Yuki, dichiarando che: “Non vede l’ora di approdare in Formula 1 per la prima volta, perché è qualcosa di molto speciale per tutti i piloti e sono sicuro che farà un ottimo lavoro”.

Se verrà confermato il giapponese come compagno di squadra di Pierre Gasly, confermato proprio la scorsa settimana dallo stesso team di Faenza, la vittima sacrificale sarà Daniil Kvayt con il dubbio anche per Alexander Albon che potrebbe perdere il sedile per fare spazio ad uno tra Sergio Perez e Nico Hulkenberg, entrambi pronti per affiancare Max Verstappen in Red Bull. In questo modo Helmut Marko si ritroverebbe a bruciare ben due dei suoi giovani.

Ruggiero Dambra

Mi chiamo Ruggiero e sono un ragazzo pugliese di 24 anni, studente di giurisprudenza (presso l'Università degli Studi di Bari) e appassionato di Formula 1 fin da bambino. La mia "carriera" come editore inizia nel 2013 con la creazione di un piccolo blog dedicato inizialmente alla cronaca, per poi passare ad occuparmi interamente di motorsport. In seguito ho scritto per diversi siti riguardanti la F1, fino ad iniziare la mia avventura con F1world nel settembre 2018. Accreditato dalla Federazione Internazionale dell'Automobilismo (FIA) potrete vedermi qualche volta in giro nel paddock. Quando mi chiedono chi vincerà il mondiale secondo me, io rispondo: "Il migliore".

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.