Formula 1Gran Premio Stati Uniti

Toto Wolff: “Penalità a Russell? Ingiusta perché…”

Il team principal della Mercedes contesta la penalità attribuita a Russell dopo l’incidente con Sainz

A seguito dell’attribuzione di cinque secondi di penalità a Russell, Toto Wolff ritiene che sia ingiusta e che si tratti di un incidente di corsa

L‘incidente causato ieri ad Austin da Russell è costato al britannico cinque secondi di penalità e l’opinione di Toto Wolff non tarda ad arrivare. Partenza caotica quella di ieri a Austin quando la rossa di Carlos Sainz è stata duramente colpita dalla vettura di Russell. Il britannico ha commesso un grave errore di valutazione e ha colpito lo spagnolo sul fianco segnando la fine della gara del poleman. E’ stato sicuramente un duro colpo per lo spagnolo che aveva ottenuto la pole position e che si è trovato fuori già al primo giro.

Russell ha concluso la gara in quinta posizione alle spalle di Perez, ma l’incidente iniziale gli è costato ben cinque secondi di penalità. Penalità che viene contesta da Toto Wolff il quale ha dichiarato che si è trattato di un incidente di corsa e che è stata già di per sé una punizione per George dover continuare la gara con la vettura in quelle condizioni. Pare infatti che l’auto abbia subito molti danni che gli hanno impedito di lottare per la quarta posizione.

“Abbiamo visto l’alettone anteriore, è enormemente danneggiato. Non solo l’endplate dello spoiler anteriore, ma anche quello sotto, è una parte aerodinamica chiave, quindi aveva un’auto che non era in grado di fare di più”, ha commentato Wolff nelle dichiarazioni che pubblica il portale web GP Fans. Credo che l’incidente alla prima curva sia un incidente di gara. Se fossi uno sceriffo, lo controllerei. Forse George ha frenato tardi, forse ha avuto il sottosterzo. Poi Carlos ha tagliato in modo brutale. È un peccato, ma dobbiamo accettarlo senza lamentarci. Poi, con il modo in cui l’ha colpito lateralmente, siamo rimasti sorpresi che non fosse un abbandono”, ha aggiunto il capo della Mercedes.

Cosa ne pensa Sainz?

 

La partenza di Sainz non è stata perfetta quanto quella di Max Verstappen che è stato molto veloce e pronto all’attacco. Se sperava in una vittoria partendo dalla pole position, lo spagnolo si sbagliava. Infatti, la rossa è  finita in testacoda ed è stata ritirata per problemi tecnici dovuti al contatto con Russell.

Lo spagnolo ha dichiarato con amarezza: “Sono molto arrabbiato perché è la seconda gara consecutiva che finisco senza punti. Ero in lotta con Max e poi è arrivato qualcuno a buttarmi fuori”. “Per me cinque secondi di penalità non sono sufficienti, ma non tocca a me decidere“, ha poi concluso l’iberico. Sainz si chiedeva come potessero commettere errori del genere i piloti che si trovavano nei primi quattro posti della classifica.

Dopo la gara, Russell ha chiesto scusa dal motorhome. Dalla stretta di mano tra il britannico e un dipendente della Ferrari, sembra che l’errore sia stato perdonato. Nonostante tutto, Russell è riuscito ad allungare il suo vantaggio sul rivale spagnolo di 11 punti grazie alla P5 e al giro più veloce.

Federica Incatasciato

Siciliana, classe '97, a Torino. Ho una laurea magistrale in Ingegneria Biomedica. Sono perfezionista fino al midollo e super scaramantica, cerco di sfruttare sempre il mio tempo in maniera proficua per imparare più cose possibili. Mi piace leggere e scrivere di politica, storia, letteratura e Formula 1. Fin dal liceo ho coltivato la mia passione per le auto da corsa e in particolare per la Formula 1. Essendo un'ingegnere, della Formula 1 mi affascina molto tutto il lavoro che c'è dietro a quelle monoposto, frutto di studio, strategia e collaborazione all'interno del team.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button