Formula 1

Toro Rosso: ecco i costi di gestione

Diamo uno sguardo a entrate e spese del team faentino durante la stagione 2018, secondo un rapporto pubblicato su Forbes

1.8 milioni è il profitto netto messo in cassa dalla Toro Rosso al termine del 2018

Recentemente, è uscito su Forbes un articolo, firmato da Christian Sylt, che fa luce sulle spese sostenute da un team come la Toro Rosso – dalla stagione 2020 Alpha Tauri – per disputare un’intera stagione di Formula 1. Toro Rosso ha sede in Italia, a differenza della maggioranza dei team del Circus – 7 su 10 -, che hanno invece la loro sede centrale in Inghilterra. Questi team, alla fine dell’anno, devono rendere noto il rispettivo bilancio annuale, richiesta che si applica a tutte le società a responsabilità limitata localizzate in Gran Bretagna che fatturano almeno 11.4 milioni di dollari annui e annoverano almeno 50 dipendenti.

Chiaramente, anche le società a responsabilità limitata con sede in Italia devono rendere noto il loro bilancio finanziario, inclusivo di spese ed entrate, ma in forma molto più dettagliata rispetto alle società con sede in Gran Bretagna: addirittura, per le società a responsabilità limitata italiane Forbes parla di un bilancio annuale del 50% più lungo rispetto alle loro ‘gemelle’ inglesi! 

SPESE

Vediamo quindi in linea di massima quanto spende un team quale la Toro Rosso per coprire una stagione intera. Iniziamo dalle spese: 45.6 milioni di dollari (40.9 milioni di euro) è più o meno la cifra richiesta nel 2018 per quanto concerne i viaggi, il pagamento degli stipendi ai piloti e la manutenzione delle vetture, comprensiva ovviamente delle riparazioni. I motori Honda costano circa 17 milioni di dollari annui, cui si sommano altri 3-4 milioni per servizi vari di cui usufruisce il team durante l’anno, come il noleggio di automobili e dei circuiti per i collaudi privati (ricordiamo lo shooting day di inizio stagione a Misano). 40 milioni di dollari è invece il costo richiesto per il personale del team, cui si aggiungono altre ‘piccole’ spese come l’1,4 milioni di dollari da pagare come tassa per l’iscrizione al campionato di Formula 1.

ENTRATE

La maggior parte delle entrate proviene invece dalla Red Bull, la casa madre che ogni anno versa circa 83 milioni di dollari alla Toro Rosso, che in cambio ne pubblicizza il marchio sulle sue carrozzerie. Altri 0.8 milioni di dollari arrivano dai vari sponsor, mentre una trentina di milioni entrano grazie a vendite e servizi vari. 59,7 milioni è invece la cifra dei premi in denaro che la Toro Rosso incassa ogni anno.

In sintesi, dal rapporto emerge che Toro Rosso nel 2018 ha fatturato circa 183.6 milioni di dollari, mentre le spese sono ammontate a 181.1. Il profitto netto, contando altre entrate e spese di minore entità, è stato di 1.8 milioni di dollari

Topics
Pubblicità

Luca De Franceschi

Sono Luca, studio Lettere e seguo la Formula 1 da una decina d'anni. Mi sono appassionato a questo sport durante l'era dei successi di Michael Schumacher con la Ferrari, per poi assistere alle prime vittorie di Fernando Alonso, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel. A casa ho diversi DVD sulla storia di questo sport, che mi hanno fatto conoscere i piloti e le auto del passato. Ho anche la passione dei kart, sui quali ogni tanto vado a girare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close