Amarcord

Throwback Thursday: i precedenti di Alonso ad Abu Dhabi

Nonostante sia giovane il Gran Premio degli Emirati Arabi Uniti porta male la propria tenera età, essendosi affermato come bestia nera per Alonso sin da subito.

Nel 2009 con la Renault Alonso ha segnato il sedicesimo tempo, per poi schierarsi quindicesimo beneficiando della retrocessione di Kovalainen. In gara è riuscito a migliorare il piazzamento di appena una posizione nel totale anonimato. Una gara che sarebbe volentieri sottoposta alla damnatio memoriae dai tifosi di Alonso è quella del 2010. L’asturiano giunge ad Abu Dhabi con 246 punti, 8 in più di Webber e 15 in più di Vettel. Al termine delle prove libere Sebastian Vettel afferma la superiorità della Red Bull dominando tutte e tre le sessioni. Il Q1 termina con uno spiraglio di speranza: il miglior tempo fatto segnare da Fernando Alonso; la pole però verrà conquistata dal rivale tedesco e Fernando riuscirà ad agguantare il lato pulito della seconda fila staccando un crono più lento di 4 decimi rispetto al poleman. Non uno start brillante da parte di Alonso che l’indomani viene colto di sorpresa da Button alla prima curva. Lo spagnolo continua la gara con un passo discreto ma non abbastanza da riuscire ad impensierire Button. Al 15° giro la Ferrari mette in atto la propria strategia: lo spagnolo va ai box. Alonso rientra davanti a Webber, colma il gap con Petrov ma non riesce a sorpassarlo. I giri passano e nonostante i disperati tentativi da parte dello spagnolo, incitato anche dal proprio ingegnere di pista Andrea Stella con messaggi passati alla storia, Petrov mantiene la posizione. Una frustrante gara nel traffico non aiuta Alonso mentre davanti Vettel guida verso il primo titolo mondiale. Fernando chiude la gara in settima posizione a due invalicabili decimi da Petrov, perdendo così la possibilità di vincere il terzo titolo nella sua prima stagione in rosso. Nel 2011 Alonso parte quinto e nel primo giro compie due spettacolari sorpassi su Webber e Button. Chiude in seconda posizione, approfittando anche del ritiro di Vettel a causa di una foratura allo start.

f1-fernandoalonso-2012-abudhabiIl payback contro Vettel continua nel 2012 con Alonso che in qualifica ottiene il settimo tempo ma parte sesto, traendo vantaggio dalla squalifica di Vettel poiché aveva ottenuto il terzo tempo probabilmente con meno carburante rispetto agli altri, avendo i commissari riscontrato a fine sessione una quantità di carburante inferiore al litro. La retrocessione in 24° posizione va a mescolare le carte ed è esattamente ciò che va momentaneamente a colmare la disparità di prestazioni tra la Ferrari e la Red Bull, ossia i due contendenti al titolo iridato. Allo start Alonso parte bene, riuscendo a passare poi Mark Webber sul rettilineo principale dopo un lieve contrattacco da parte dell’australiano. Lo spagnolo chiuderà secondo dietro a Kimi Raikkonen beneficiando anche del ritiro di Lewis Hamilton e dopo aver effettuato un sorpasso con il DRS ai danni di Maldonado. Vettel arriva terzo in rimonta, permettendo comunque una lieve rimonta da parte di Alonso in ottica campionato.Nel 2013 Alonso si qualifica 11° mancando il Q3 per pura scarsa competitività, parte bene recuperando 3 posizioni e nel corso della gara combatte in un’accesissima bagarre con Massa, Hamilton e Di Resta. Chiude quinto. All’uscita dai box dopo il secondo pit-stop arriva ruota a ruota con Vergne, lo sorpassa al limite sobbalzando su un cordolo. L’impatto in questo incidente di gara ha fatto subire al corpo del pilota una decelerazione di 25G.

Ciò sarà la causa del terribile mal di schiena che ha persino messo in dubbio la partecipazione di Alonso alla gara successiva, ossia quella di Austin.

Fernando conclude qui il proprio mandato in Ferrari e narra in prima persona il proprio weekend di gara per l’emittente spagnola LaSexta, che ha realizzato il documentario Mì Ultima Carrera Con Ferrari.  Per l’ultima volta sottoposto al supplizio della F14-T, effettua l’ultima qualifica in rosso con un deludente 10° posto, guadagnando però due posizioni sulla griglia grazie alla squalifica delle due Red Bull, partite ultime per un’irregolarità riscontrata sugli alettoni anteriori. Parte quindi ottavo e in gara non riuscirà ad andare oltre la nona posizione. 

Beatrice Zamuner

Mi chiamo Beatrice, ho 20 anni e faccio parte di F1World da 4 anni. Ho frequentato il Liceo Classico Franchetti a Mestre e ora studio lingue a Ca Foscari. Da un anno scrivo anche in inglese e attualmente scrivo e realizzo video per MotorLAT. L’interesse per la F1 è nato dalle vittorie di un giovane ma carismatico Fernando Alonso. Da grande vorrei diventare giornalista sportiva, perché ritengo che unire passione e professione sia la cosa migliore che un individuo possa attuare in tutta la propria vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio