Dichiarazioni

Test Barcellona-day 2, Sebastian Vettel: «La macchina risponde bene»

Anche se la Ferrari e Sebastian Vettel si sono confermati i più veloci anche nella seconda giornata della prima sessione di test, a fine giornata il tedesco ha accusato un piccolo inconveniente tecnico che lo ha obbligato a parcheggiare la sua SF16H all’uscita della curva 3. Sicuramente il 28enne, anche se non vuole fare pronostici, è rilassato e felice per come siano andate queste prime prove visto che domani passerà il volante al compagno, Kimi Raikkonen.

Dopo aver dedicato la mattinata al lavoro per ottimizzare il set-up della monoposto, Sebastian Vettel e la Ferrari hanno deciso di provare a fare qualche giro con la nuova mescola della Pirelli, la Ultrasoft, che però non ha ancora testato sulla propria vettura la Mercedes: «Per quanto abbiamo visto finora, la macchina risponde bene e si comporta come vorrei. Adesso è fondamentale che anche Kimi abbia le stesse impressioni. Per quel che riguarda il motore, è bello tornare a sentire un po’ di rumore in più e anche se non è ancora così forte come potrebbe o dovrebbe essere, è molto meglio di quanto non fosse prima. Ora suona di più come una Formula 1 – ha commentato Sebastian Vettel – Abbiamo lavorato molto su cose diverse, la macchina è completamente nuova, ci sono tante nuove componenti e molte cose sono in posizioni diverse. Abbiamo cercato di capire come la vettura reagisce e anche se ce ne siamo fatti un’idea e avevamo delle aspettative, quando si gira in pista le cose spesso possono cambiare, a volte per via della temperatura, a volte per il raffreddamento, eccetera. Nel complesso siamo contenti, ma sappiamo di dover fare tanti chilometri e di avere molto lavoro davanti».

Il tedesco in particolar modo ci ha tenuto a elogiare la nuova Ferrari visibilmente più prestazionale rispetto a quella del 2015: «Oltre alla vettura anche la power unit è migliorata rispetto allo scorso anno. È una vettura figlia di un progetto completamente nuovo, si sta parlando di un lavoro iniziato parecchio tempo prima dei mesi invernali. Dal di fuori si vedono le novità sull’avantreno ma i cambiamenti più importanti sono all’interno».

Eleonora Ottonello

Mi chiamo Eleonora e sono di Genova. Scrivo per passione, nella vita di tutti i giorni sono un'educatrice cinofila. Non ho paura di dire (forse è meglio dire scrivere) quello che penso. Per me la sincerità e la franchezza sono alla base di ogni rapporto umano. Sono pignola e puntigliosa ma disordinata e pasticciona allo stesso tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio