2019Formula 1

Szafnauer: “Il quarto posto nel costruttori è raggiungibile”

Il direttore sportivo della Racing Point, crede ancora nel quarto posto ottenuto nel 2016 e nel 2017

Otmar Szafnauer, è convinto che la Racing Point possa raggiungere il quarto posto in classifica

Si respira un clima di fiducia nel box della Racing Point. Il direttore sportivo della squadra, Otmar Szafnauer, è convinto che il quarto posto nel costruttori sia ancora raggiungibile. Finora la stagione del team di Silverstone è stata piuttosto negativa. Soltanto 31 i punti raccimolati, meglio solo di Haas e Williams, mentre Sergio Perez non raggiunge la zona punti dal Gp di Baku.

Come detto, però, c’è ottimismo nel team. “Ci arriveremo al quarto posto”, ha detto Szafnauer. “Abbiamo le stesse persone, lo stesso modus operandi, strumenti migliori e maggiori finanziamenti, quindi è solo una questione di tempo. La seconda metà della stagione dovrebbe mostrare prestazioni simili vicine a quelle del passato. La Renault dovrebbe fare attenzione. L’anno scorso abbiamo avuto un grande successo ripartendo dalle difficoltà che abbiamo avuto”.

Il problema del team è stato quello di progettare un’auto con un budget diverso da quello attuale

“Quando abbiamo preso le decisioni sull’auto di quest’anno, non avevamo il budget attuale. Quindi abbiamo compromesso l’auto del 2019 e solo ora ho capito gli effetti negativi di tali compromessi. Ora stiamo cercando di cambiare alcune cose perché abbiamo finanziamenti superiori che possiamo spendere per migliorare le prestazioni, ed è ciò che stiamo provando a fare ora”, ha aggiunto il menager statunitense.

La compattezza del midfield, però, renderà difficile la scalata del team

La classifica costruttori vede la Racing Point ad un punto dall’Alfa Romeo, ad otto dalla Renault e ad 12 dalla Toro Rosso, mentre la Haas è solo quattro punti più dietro. Questo giusto per rendere l’idea di come sia compatto il midfield. Un midfield in cui in diciassette punti sono racchiusi cinque team.

“Io credo sia possibile raggiungere il quarto posto. Certo è molto difficile, perchè normalmente i primi sei posti sono bloccati dai top team e noi altri ci troviamo a combattere per una manciata di punti. Inoltre, considerata la compattezza del centro gruppo, basta un piccolo errore, per perdere svariate posizioni”, ha concluso Otmar Szafnauer.

Topics
Pubblicità

Gabriele Gramigna

Mi chiamo Gabriele, sono un ragazzo molisano e studio chimica all'università di Padova. Dal 2018 scrivo per F1World, cercando di trasmettere la mia passione per la Formula 1 in tutti i miei articoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close