DichiarazioniFormula 2Gran Premio Belgio

Svelata la possibile causa dell’incidente di Hubert

Pirelli indica alcuni resti di fibra di carbonio rimasti in pista, come possibile causa del tragico impatto in cui ha perso la vita il giovane francese

Pirelli intende far luce sul tanto misterioso quanto tragico incidente di Formula 2 avvenuto a Spa-Francorchamps

Il 2019 è stato segnato indelebilmente dalla dipartita di Anthoine Hubert, promettente pilota francese scomparso durante una gara di Formula 2 a Spa-Francorchamps. A inizio mese, la FIA ha pubblicato un resoconto in cui ha concluso le indagini e ha scagionato i piloti coinvolti. Secondo la ricostruzione della Federazione, l’evento ha avuto origine da una perdita di controllo da parte di Giuliano Alesi, che ha scatenato una serie di terribili conseguenze, tra cui il terribile impatto in cui Hubert ha perso la vita e Juan Manuel Correa gravi danni.

Il figlio di Jean Alesi, avrebbe perso il controllo della propria monoposto a causa di una “perdita di pressione interna della gomma posteriore destra”, ma la FIA non ha specificato cosa ha causato tale perdita di pressione. La foratura, stando alle indagini perseguite dalla Pirelli, potrebbe essere stata generata da resti di fibra di carbonio rimasti in pista dopo un contatto avvenuto durante il primo giro tra Nicholas Latifi e Mick Schumacher.

MORTE HUBERT, UN TERRIBILE MISTERO

Al termine delle analisi, Mario Isola, motorsport racing manager Pirelli, ha prosciolto gli pneumatici, escludendo qualsiasi cedimento strutturale. “Abbiamo sviluppato un’indagine, controllato gli pneumatici e qualsiasi parte degli stessi e non abbiamo trovato nulla di sbagliato. Le gomme andavano bene”.

La causa dell’incidente di Hubert avvenuto nel secondo giro, dunque, potrebbe essere stato causato involontariamente dal contatto tra Latifi e Schumacher. “Avrebbe potuto avere una gomma a terra, perchè alla prima curva si era verificato un’incidente ed erano rimasti in traiettoria dei detriti. Sappiamo quanto sia affilata la fibra di carbonio e quanto sia facile tagliare uno pneumatico”.

“Se hai una gomma forata perdi aria e nell’affrontare la terza curva, l’Eau Rouge / Raidillon che è in discesa, perdi pressione. Questo può causare una rotazione o cose del genere. Penso sia altamente probabile, e quasi certo, che sia stata una foratura, perchè abbiamo trovato alcuni piccoli tagli anche in altre gomme. A volte hai una foratura e perdi aria, altre volte hai semplicemente un segno sul battistrada”.

Topics
Pubblicità

Alberto Lanzidei

Mi chiamo Alberto, ho 24 anni e la mia passione sono le automobili. Seguo con attenzione il mondo delle corse e in particolare la Formula 1, massima espressione del motorsport. Sin dall'adolescenza il mondo dell'informazione sportiva attirava la mia curiosità, senza immaginare che un giorno ne sarei entrato a far parte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close