DichiarazioniFormula 1Gran Premio Gran Bretagna

Silverstone, per Stuart Pringle “tutto è da vedere”

A parlare è il capo dello storico circuito inglese, che ha fatto chiarezza sull’eventualità di tenere l’evento motoristico nonostante la pandemia

Dalla dirigenza di Silverstone, pista che storicamente ospita il Gran Premio di Gran Bretagna, formalmente tappa di casa della Mercedes, sono arrivate importanti dichiarazioni sullo svolgimento o meno della gara durante il 2020

Proprio alcuni giorni fa, la Formula 1 ha comunicato il calendario, molto provvisorio a causa dell’emergenza sanitaria, del Campionato 2020. Si è detto che alcuni circuiti, tra i quali l’inglese di Silverstone, si sono resi disponibili anche per lo svolgimento di due Gran Premi. A fare chiarezza sulla questione, con un’intervista a Motosport.com, è stato Stuart Pringle, boss di Silverstone.

“Ci sono ancora molti dettagli da approfondire”  è il mantra che arriva da Pringle, nonostante lo stesso avesse confermato la sua disponibilità per un doppio appuntamento anche senza pubblico. “Penso che dobbiamo stare molto attenti, non si tratta soltanto di ciò che possiamo o non possiamo fare in questo Paese. Stiamo parlando di come dovremmo adattarci alla stagione, perché non vogliamo iniziare qualcosa che non possiamo concludere”.

“Chiaramente esiste la volontà da parte di tutti di trovare una soluzione funzionante. Ma c’è ancora del lavoro da fare. Non sarà un colpo facile”. Silverstone dovrà attenersi alle restrizioni del Governo di Londra, il che significa che nessun incontro di massa verrà autorizzato dai funzionari governativi e sanitari.

“NON SIAMO LEGALMENTE AUTORIZZATI A FAR VENIRE IL PUBBLICO”

“La situazione nel Regno Unitoprosegue Pringleè che non siamo, in questo momento, legalmente autorizzati a organizzare un evento  per il grande pubblico. Non sembra che questa situazione cambierà entro i tempi necessari per la pianificazione della gara. Il GP di Gran Bretagna è il più grande evento sportivo nel Regno Unito e, sebbene abbiamo molte infrastrutture permanenti, molte cose temporanee devono arrivare e questo richiede molto tempo”.

“Quindi con il cuore pesante – ha concluso il capo della pista inglese – abbiamo confermato che non possiamo tenere il GP di Gran Bretagna davanti al pubblico. Nel frattempo rimaniamo in dialogo costante con la Formula 1, per capire se il circuito sia o meno un luogo adatto per una delle gare europee che si svolgeranno a porte chiuse e se riusciremo a soddisfare tutti i parametri, sanitari e sportivi”.

Amedeo Barbagallo

Topics
Pubblicità

Redazione

News in tempo reale, classifiche aggiornate, foto e video delle gare, F1 live, piloti, team, Gran Premi in diretta web, e curiosità dal grande mondo della Formula 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close