DichiarazioniFormula 1Test BarcellonaTest Formula 1

Sicurezza DAS Mercedes: il paddock è unanime

L’innovazione introdotta dalle Frecce d’Argento ai test pre-stagionali di Barcellona ha sollevato numerose polemiche, ma tutti i Team concordano: è sicura

Il Dual Axis Steering fa già paura a tutti gli avversari di Mercedes che in questi ultimi giorni hanno polemizzato circa la sua legalità. Su una cosa si ha però la certezza: i piloti non corrono alcun rischio

La Formula 1 ha da sempre a cuore l’incolumità di tutti i piloti  del Circus. Lo conferma lo stesso direttore di gara, Michale Masi, interpellato rispetto al prodigio ingegneristico apparso in queste giornate di test pre-stagionali sulla pista di Barcellona. La scuderia Mercedes è riuscita a ideare un dispositivo capace di modificare la convergenza degli pneumatici anteriori, grazie al controllo diretto dello sterzo da parte del pilota.
Le immagini dell’on board camera di Lewis Hamilton hanno infatti mostrato il funzionamento di questa incredibile innovazione: il volante tra le mani del sei volte campione del mondo si spostava in avanti e indietro, influenzando visibilmente l’angolo delle ruote in accelerazione e in frenata.

In molti si sono detti perplessi rispetto alla regolarità di tale sistema, sottolineando come il regolamento imponga che “nessun aggiustamento può essere effettuato a qualsiasi sistema di sospensione mentre la macchina è in movimento“.
Nonostante lo scetticismo e le zone d’ombra del regolamento in questione,  la FIA  non ha dubbi sulla sua legittimità e sicurezza. Il direttore di gara Masi ha infatti tenuto a precisare che per la Federazione la sicurezza è l’aspetto più importante: “Penso che dal punto di vista della FIA, la sicurezza sia sempre la prima cosa. Quindi non ci sono dubbi su tale questione; sia chiaro che questa è sempre la priorità da parte nostra” – ha dichiarato a Motorsport.com.
Il direttore di gara non ha poi voluto fornire dettagli sul divieto del DAS entro il 2021, poiché il nuovo regolamento non consente tali sistemi: “Penso che la FIA sia stata molto saggia nel notare il cambiamento nei regolamenti del 2021. Vedremo quali Team potranno farlo entro i limiti di ciò che i regolamenti prevedono per quell’anno. Dovremmo lasciarlo così“.

NON AVREBBE MAI PROGETTATO QUALCOSA DI PERICOLOSO

Come riporta soymotor.com, anche il direttore sportivo della Renault, Alan Permane, ha detto la sua, facendo un paragone con il sistema F-Duct. Pensa infatti che ci siano delle sostanziali differenze tra questo e il DAS. Con quest’ultimo, i piloti possono continuare a guidare con entrambe le mani sul volante. Inoltre, ha affermato che la Mercedes non monterebbe mai un sistema che risulti poco sicuro o addirittura pericoloso per Lewis Hamilton e Valtteri Bottas: “Non possiamo speculare su quanto sia sicuro per i piloti tenere entrambe le mani sul volante. Il problema del condotto F era che le persone erano preoccupate per i piloti che guidavano con una mano, specialmente nelle curve molto veloci. Sono certo che non avranno progettato un sistema che non è sicuro” – ha detto Permane.

Della stessa opinione è anche ll direttore sportivo della Ferrari, Laurent Mekies, convinto che nessuna squadra sarebbe in grado di portare in pista un qualsiasi elemento che comprometta la sicurezza dei piloti. Il francese non mette in discussione il lavoro svolto dalla Mercedes in termini di sicurezza: “Credo che nessuna squadra possa portare qualcosa di pericoloso in pista. Alla fine, abbiamo delle responsabilità nei confronti dei nostri piloti e sono sicuro che l’aspetto della sicurezza sia ben funzionante“- ha spiegato.

Topics
Pubblicità

Erika Mauri

Metà brianzola e metà romana, sono laureata in Lingue e attualmente studentessa magistrale di Linguistica applicata nella capitale; da sempre amo scrivere e lavorare con la lingua italiana in tutte le sue forme. Mi definisco una persona dinamica, intraprendente, coraggiosa e amante delle sfide, faccio della mia capacità organizzativa e del problem solving due delle mie qualità migliori, insieme alla facilità di collaborare con altri in gruppo e a un pizzico di anticonformismo. Amo viaggiare e sono appassionata di tecnologia, cinema, musica, lettura e, ovviamente, di Formula 1.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close