Formula 1Gran Premio Qatar

Seidl: “quattro punti sono troppo pochi”

Dopo gli ultimi tre appuntamenti della stagione, il team principal della McLaren si è detto amereggiato per aver raccolto troppi pochi punti

Negli ultimi tre appuntamenti stagionali la McLaren ha faticato e Seidl si è detto amareggiato per aver portato a casa solo quattro punti

La Formula 1 ha da poco concluso una tripletta di appuntamenti, occasione importante per raccogliere quanti più punti possibili prima di chiudere la stagione in Arabia Saudita e ad Abu Dhabi. Qualcosa però è andato storto per la McLaren che, come ha sottolineato recentemente Seidl, ha conquistato solo quattro punti. Nonostante i due piloti abbiamo mostrato più volte nel corso degli ultimi tre appuntamenti di avere un buon passo, una serie di incidenti, imprevisti e un pizzico di sfurtuna (ammesso che di sfurtuna si possa parlare in Formula 1), hanno complicato i weekend di gara di Ricciardo e Norris.

In Messico Daniel Ricciardo è rimasto coinvolto in un incidente con Bottas al primo giro, invece, in Brasile è stato costretto al ritiro a causa di una crepa nell’installazione del propursore; infine, in Qatar è stato costretto a risparmiare significativamente carburante durante tutta la gara. Gli unici punti conquistati dalla McLaren sono quelli di Norris, che ha ottenuto un decimo posto sia in Messico che in Brasile e la nona piazza in Qatar. La scuderia di Woking ha da inizio stagione ha lottato per il terzo posto nei costruttori, si trova ora quarta a 39,5 punti alla Ferrari.

SEIDL: “OTTENERE SOLO QUATTRO PUNTI È QUALCOSA DI DOLOROSO”

Concluso il weekend del Qatar, il team principal della McLaren ha tirato le somme e fatto il bilancio delle ultime tre gare. Penso che in una certo senso dobbiamo accettare che sia stata dura per l’intera squadra. Segnare quattro punti in tre gare è ovviamente doloroso” – ha così spiegato Seidl – “Ma se guardiamo anche a cosa è successo e a come abbiamo perso molti punti, possiamo dire che le cose ci sono sfuggite di mano o che è stata questione di sfortuna. Questo fa parte dello sport. Penso che la cosa positiva sia che abbiamo osservato il divario [in Qatar] e avevamo una macchina competitiva.  I due piloti erano competitivi in ​​pista e la squadra ha fatto un buon lavoro con i pitstop . Non ci resta che andare in Arabia e contrattaccare“.

Inoltre, ha dichiarato che il team sta ancora cercando di capire perchè Ricciardo sia stato constretto a risparmiare così tanto carburante e che Norris avrebbe sicuramente conquistato più punti se non fosse stato per l’improvvisa foratura. “Dal mio punto di vista, Lando sarebbe arrivato P4 o P5 per merito”, ha detto. “Ovviamente è un peccato che abbia forato, perchè dopo due weekend sfortunati sarebbe stato bello ottenere un buon risultato, independentemente della lotta costruttori”.

DUE GARE PER DARE IL TUTTO PER TUTTO

Tuttavia, quest’anno si è riaccesa quella storica rivalità che ha da sempre scaldato gli animi degli spettatori e Seidl sa bene quanto possa essere importante per il team finire il campionato in terza posizione davanti alla Ferrari. “Purtroppo a causa della rottura delle gomme, abbiamo perso un’occasione ghiotta, quindi il triplo appuntamento non è andata proprio per il verso giusto”.

“A volte nello sport va così. Per noi ora è importante continuare a lottare nelle ultime gara perché, finché sarà teoricamente possibile, daremo tutto per il campionato costruttori. Ma indipendentemente  da questo vogliamo comunque tornare al vertice e ottenere buoni risultati per avvicinarci in modo sereno alla pausa invernale, ha concluso.

Chiara De Bastiani

Sono Chiara, ho 20 anni e studio scienze e tecniche psicologiche. Sono appassionata di motori e il mio amore per la Formula 1 è cresciuto piano piano insieme a me. Infatti, la seguo sin da quando ero piccolina, grazie a mio papà. Ho molte altre passioni e interessi che coltivo tra cui la danza, i viaggi, la montagna, la musica e l'arte. Sono un'inguaribile sognatrice che spera un giorno di poter lavorare in questo mondo fatto di passione, motori ed emozioni.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.