Formula 1Gran Premio Italia

Scontro McLaren, Stella risponde: “Non è così che si corre”

Il TP della McLaren, Andrea Stella, chiarisce la questione in merito al contatto fra Piastri e Norris durante il GP d’Italia

Lo spiacevole incidente fra i due piloti McLaren a Monza non è stato ben gradito da Stella, che ora mette in chiaro le cose su quale debba essere l’obiettivo comune

A Monza la sfida si è rivelata più intensa di quanto ci si aspettasse, e non è mancata qualche sportellata tra compagni di squadra. Oltre alla sfida finale per il podio tra i due piloti Ferrari, che ha creato un acceso dibattito, anche in casa McLaren si è rischiato grosso. Rientrando in pista dopo il pit-stop, Oscar Piastri ha infatti lottato con il compagno di squadra per mantenere la posizione davanti a lui. Il che ha portato a un contatto fra i due in curva 1. Ecco cos’ha avuto da dire il team principal della McLaren, Andrea Stella, riguardo l’incidente a Monza.

Perentorie le parole di Stella riguardo la questione: “Non dovrebbe mai, e dico mai, esserci un contatto tra le due McLaren.” ha affermato domenica, al termine della gara. “Ma c’è stato, e non è così che si corre. Va bene, adesso rivedremo la situazione. Come si fa con qualsiasi altro dettaglio tecnico o di gara. Quel che è importante è chiarire cosa deve essere accettato, e cosa è invece inaccettabile. Non è una questione personale. E’ chiaro che per ogni pilota c’è qualcosa più grande di lui: ed è la squadra“.

CACCIA AL COLPEVOLE O INCIDENTE DI GARA?

Alla domanda su se ritenesse più responsabile l’uno o l’altro pilota, Stella ha risposto: “Devo ricontrollare. E come ogni cosa, lo faremo in modo tranquillo“. Ha poi aggiunto: “Non c’è niente che richieda forte urgenza. Controlleremo la questione e prenderemo le soluzioni che dobbiamo prendere. Sono sicuro che anche i piloti si controlleranno meglio in una situazione simile“.

E’ sempre complicato quando esci dalla pit-lane, specialmente con mescola dura. Piastri stava cercando di mantenere una buona posizione, ma su gomme più fredde si è rivelato più difficile di quanto immaginasse.” spiega Stella. “Penso che possiamo concludere dicendo che si tratta soltanto di un piccolo errore di giudizio. Quindi non ci sono assolutamente problemi. Entrambi i piloti erano a conoscenza del fatto che non devono esserci contatti fra le due McLaren. Ed è stato soltanto un errore di gara“.

STELLA DOPO IL GP DI MONZA: “MAI PIU’ CONTATTI FRA LE MCLAREN”

Stella sembra avere comunque le idee chiare su come i piloti dovrebbero gestire una corsa, e le rivalità fra loro: “Sono liberi di lottare.” assicura. “Il mio compito è quello di dare loro dei principi e un quadro chiaro di cosa possono raggiungere. Questo è quello che vogliamo – e ci interessa – vedere. Come anche le Ferrari, che hanno lottato oggi… Sono sicuro che al muretto Ferrari fossero tutti preoccupati, ma alla fine è stato un bello spettacolo“.

Il nostro ruolo è quindi quello di guidare i piloti attraverso i dati. Come rispettare quei parametri, invece, non è nostro compito. Perché non siamo noi i piloti. In quanto ad avere la capacità di dire: ‘Le gomme sono ancora fredde, forse devo prendere un po’ più margine.’ non sta a me dirlo, non sono io al volante. E’ solo che devono capire che non c’è motivo per cui il limite debba essere oltrepassato.” conclude il team principal McLaren.

 

Alessia Verde

Di Napoli, classe 2002. Studentessa di Lettere Classiche all'Università Federico II. Innamorata follemente della Rossa. Con la Formula 1 è stato amore a prima vista, e nulla riesce a emozionarmi come fa lei. Ma ciò che mi emoziona di più è potervela raccontare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio