Formula 1Test Bahrain

Scatta il countdown per l’inizio dei test pre-stagionali

Dopo le novità apportate alla prima parte del calendario, la sede delle prove generali è stata trasferita in Bahrain

Cinque giorni al primo semaforo verde: nove ore ogni giorno a disposizione a partire da venerdì; scattano i test pre-stagionali

Mancano solo cinque giorni all’inizio degli attesi test pre-stagionali, prima uscita ufficiale della Formula 1 2021. Nell’ultima settimana abbiamo assistito all’unveiling di quasi tutte le monoposto prossime a scendere in pista, ultima sarà la Ferrari che si svelerà mercoledì. Programmati in Spagna, i test sono stati ricollocati in Bahrain dopo la rivoluzione che ha vista protagonista la prima parte del calendario.

Sarà una Formula 1 ancora pesantemente condizionata dalle normative vigenti per combattere l’emergenza sanitaria. Messa alle spalle una stagione difficile, rivista completamente in date e calendario, il 2021 dovrebbe (si spera perlomeno) mantenere un’allocazione più simile a quanto siamo abituati. Spostata di una settimana, la stagione prenderà il via in Bahrain nel weekend tra il 26 e il 28 marzo per concludersi il 12 dicembre, ad Abu Dhabi.

IL CAMBIO DI LOCATION PORTA NUOVE SFIDE

Cambio di tracciato per i test. L’ormai consueta tappa a Barcellona è stata spostata per motivi di sicurezza e di logistica in Bahrain; parte dei team potrà così rimanere insediato nel piccolo Stato affacciato sul Golfo Persico. Per tipo di tracciato e temperature sarà una sfida molto differente per i team. A differenza del Montmelò, il circuito di Manama non può definirsi completo quanto quello in terra catalana. Mentre a Barcellona si alternano parti veloci a tratti molto lenti, in quel del Bahrain non esiste una vera e propria parte lenta.

Cambia anche il livello di carico aerodinamico utilizzato. Mentre a Barcellona si opta per il massimo carico, a livelli quasi paragonabili ai circuiti cittadini, in Bahrain si viaggerà con ali più scariche vista la presenza dei settori 1 e 3 estremamente veloci. A Manama la resa del power unit unita a una buona trazione della monoposto fanno sicuramente la differenza.

Un altro elemento da non sottovalutare sono le temperature. Il clima rigido dell’inverno europeo è rimpiazzato da temperature quasi estive. In Bahrain, inoltre, i team non dovrebbero incorrere in una variabile ben più presente sui tracciati europei, ovvero la pioggia. Con sole tre giornate di test, le squadre vorranno sicuramente evitare di perdere parte o interi turni a causa delle condizioni atmosferiche.

Ventisette complessive di test, che vedranno ogni giorno scattare la giornata con il sole della mattinata e terminare a notte ormai inoltrata. Si parte alle 10:00 (ora del Bahrain) per terminare alle 19:00; due ore in meno se facciamo riferimento all’orario italiano.

Samuele Fassino

Mi chiamo Samuele, ho 19 anni. Sono un grande appassionato di motori, specie di Formula 1 nella quale spero di lavorare un giorno. Oltre ai motori le mie passioni si estendono al calcio ed alla filosofia anche se, più in generale, mi piace tenermi informato su qualsiasi tema. Sono molto determinato e cerco sempre ottenere il massimo da ogni situazione.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.