DichiarazioniFormula 1

Rosberg mette Hamilton tra i migliori di sempre

Il campione del mondo 2016 considera l’inglese uno dei piloti più forti della storia, al fianco di Senna e Fangio

In questi lunghi giorni di quarantena, c’è chi si concentra sul passato e il presente della Formula 1, stilando una breve classifica dei migliori piloti della storia

Ritiratosi nel 2016, dopo aver conquistato il suo primo titolo mondiale, Nico Rosberg è ormai volto noto della TV inglese di Sky Sports Formula 1 che lo porta in giro per il mondo, ma questa volta in qualità di commentatore. La sua avventura nella Classe Regina si è infatti conclusa 4 anni fa, quando Abu Dhabi gli ha consegnato il tanto atteso titolo iridato dopo anni di aspre lotte al fianco del suo (ex) amico Lewis Hamilton, suo rivale da una vita.
Forse il tedesco aveva bisogno proprio di questo: dimostrare a se stesso e al mondo intero che sì, lui poteva farcela, poteva battere anche chi fino a pochi mesi prima era considerato quasi invincibile e poi aveva finito per arrendersi.

SCHUMACHER IL PIU’ FORTE DI SEMPRE; HAMILTON QUARTO

Questo è forse il momento ideale per congiungere presente e passato della Formula 1, e Rosberg ci ha presentato una sua personale top 5 dei piloti che, secondo lui, sono tra i più forti mai esistiti. Sul gradino più alto del podio Michael Schumacher: “Vado per (Michael) Schumacher” – ha dichiarato Nico sul vodcast di Sky Sports – “Ero con lui. È un tuttofare. Per me, il migliore di tutti i tempi” .
E dopo il Kaiser? “Fangio, Senna e Hamilton” – ha continuato il tedesco – “Poi dico Prost“.

L’INDELEBILE SEGNO DI NIKI LAUDA

Come riporta planetf1.com, anche Anthony Davidson, pilota automobilistico ed esperto Sky Sports, ha fatto una top 5 che vede in prima fila Niki Lauda, ​​Ayrton Senna, Alain Prost, seguiti da Nigel Mansell e Michael Schumacher: “Ho scelto quelli che mi hanno davvero ispirato quando ero bambino” – ha spiegato – “Quelli che mi hanno spinto a correre e quelli che mi hanno fatto desiderare di continuare a farlo una volta che ho iniziato coi kart“.

Nella mente di Davidson, resta indelebile il ricordo di Niki Lauda e delle sue straordinarie imprese, entrate per sempre nella storia della Formula 1: “Quindi il mio primo ricordo, da bambino di cinque anni, è quello in cui stavo guardando un ragazzo di nome Niki Lauda ​​sulla sua McLaren vincere il Campionato del Mondo per mezzo punto“.
Anche se non conoscevo i dettagli del suo stile di guida, sapevo che era un professionista e uno di classe mondiale. Da bambino, vedere le cicatrici sul suo viso ha lasciato un segno; lo ricordo chiaramente” – ha poi concluso l’inglese.

Topics
Pubblicità

Erika Mauri

Metà brianzola e metà romana, sono laureata in Lingue e attualmente studentessa magistrale di Linguistica applicata nella capitale; da sempre amo scrivere e lavorare con la lingua italiana in tutte le sue forme. Mi definisco una persona dinamica, intraprendente, coraggiosa e amante delle sfide, faccio della mia capacità organizzativa e del problem solving due delle mie qualità migliori, insieme alla facilità di collaborare con altri in gruppo e a un pizzico di anticonformismo. Amo viaggiare e sono appassionata di tecnologia, cinema, musica, lettura e, ovviamente, di Formula 1.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close