Dichiarazioni

Ricciardo “Grato per la stagione appena conclusa, ho imparato tanto”

In questa stagione abbiamo visto squadre, che ci hanno abituato a buoni risultati, in grossa difficoltà e tra queste vi è sicuramente la RedBull.

Nel 2014 la casa austriaca era riuscita a vincere in ben 3 occasioni con Ricciardo; ma quest’anno il primo posto è apparso solo come un miraggio all’australiano, sorpassato nella classifica finale dal compagno Kvyat.

Stando alle parole di Daniel questo non è stato un anno da dimenticare, anzi, il pilota si dice “migliorato” rispetto alla scorsa stagione.

Sono grato per la stagione appena conclusa, certo sarei stato più felice se fossi diventato Campione del mondo. – scherza Ricciardo – onestamente, facendo un bilancio, credo di aver imparato tanto quest’anno.”

Ho capito come gestire le mie emozioni e soprattutto delusioni. Mi sento un pilota più completo; lo so, non si è visto in pista ma credetemi, quando sei a lavoro con gli ingegneri lo noti di più. Di sicuro, se avremo qualche chance in più l’anno prossimo, la saprò sfruttare al meglio.” continua l’australiano.

Secondo il pilota, i problemi del 2015, sono stati d’aiuto non solo per i singoli piloti ma anche per l’intero team.30789530pd2-750x467

Credo che l’unità ci abbia sempre reso forti. Basti pensare come abbiamo affrontato il tutto: dall’inizio alla fine – spiega Ricciardo Ci sono stati momenti in cui ho avuto paura che tutta questa negatività avrebbe spinto il team a perdere la sua motivazione nel migliorare la vettura, per esempio.”

Ovviamente mi sbagliavo, anzi, ne siamo usciti ancora più motivati e penso che questo ci aiuterà a tornare al posto che ci spetta nel 2016.” ha terminato.

Anna Polimeni

Mi chiamo Anna, ho 19 anni e vengo da Torino. La F1? la mia passione, il mio mito? Ayrton Senna.

Altri articoli interessanti

Un commento

  1. Sarà ma alla fine è rimasto dietro al compagno di squadra e non ha dato la sensazione di essere mai incisivo nella sua squadra. Il motore non ha aiutato, ma lui non ha fatto quelle cose che ci aveva abituato nel passato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.