DichiarazioniFormula 1

Red Bull, Marko è sicuro: “Con Perez l’Academy non ha fallito”

Il manager austriaco si giustifica per l’ingaggio che non ha rispettato la filosofia del team, da sempre attento ai suoi giovani piloti

La scelta del messicano, estraneo al mondo della Red Bull, è andata in controtendenza rispetto alle mosse degli ultimi anni

La scuderia bibitara ha deciso di collocare, al fianco di Max Verstappen, Sergio Perez, non proprio un giovane di belle speranze, ma un talento più che rodato. Certo, non si tratta di una novità assoluta, in quanto dalle parti di Milton Keynes transitarono anche Robert Doornbos, David Coulthard e Mark Webber. Tuttavia, questa scelta della Red Bull per Helmut Marko non rappresenta un fallimento.

L’austriaco ha infatti ricordato che è molto difficile avere sempre un giovane pilota dell’accademia preparato ad affrontare la sfida di gareggiare in Formula 1. Inoltre, il manager ha sottolineato che sono tanti i piloti passati dall’Academy del team e che ora brillano in altre squadre e in altre categorie. “Non è sempre possibile preparare innumerevoli talenti per la Formula 1. Se gli altri team avessero le nostre cifre sarebbero orgogliosi. Se i nostri talenti non raggiungono il successo in Formula 1, possono farlo correndo in altre competizioni”, ha dichiarato a Servus TV.

IL FUTURO DELLA RED BULL SECONDO MARKO

Marko è chiaro nel dire che non affideranno un posto, alla Red Bull o in AlphaTauri, al primo pilota disponibile solamente perché è cresciuto nel programma giovani del team. Inoltre, l’ex pilota austriaco ha evidenziato l’arrivo, nella categoria regina del motorsport, del giapponese Yuki Tsunoda, prossimo titolare della scuderia di Faenza. Per il futuro non è affatto escluso né il ritorno dell’appiedato Alex Albon né l’ingaggio di attuali piloti di Formula 2.

“Abbiamo” ha affermato Marko “Jüri Vips, Jehan Daruvala e Liam Lawson, che potrebbero fare il salto in Formula 1 se riusciranno a dimostrare di avere ottime capacità al volante con una buona stagione in Formula 2″. Per il momento Albon ricoprirà il ruolo di pilota collaudatore e di riserva, in attesa di vedere se nel 2022 ci potrà essere spazio con una nuova opportunità. Va ricordato che il contratto di Perez con il team di Milton Keynes è per una sola stagione, quindi potrà verificarsi un nuovo terremoto prima del cambio di regolamento.

Pubblicità

Amedeo Barbagallo

Catania, 2001. Studio Filosofia e curo un Blog. Collaboro con F1world. Sono l'autore del libro "I ragazzi che salvarono il mondo", Santelli Editore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.

Utilizziamo servizi di terze parti per analizzare il traffico sul nostro sito e restare in contatto con i nostri visitatori. Vengono quindi trattati dati anonimi di navigazione e altri dati simili per mezzo di cookie, come indicato nelle nostre policy. Accettando l’uso dei cookie ci aiuti ad offrirti un’esperienza migliore con i nostri servizi.