Curiosità dalla F1Formula 1

Red Bull, la galleria del vento non è più soltanto un’idea

La scuderia con sede a Milton Keynes ha svelato il proposito di costruire una nuova galleria del vento entro il 2024

Nonostante si tratti di strutture destinate a esser bandite a partire dal 2030, la Red Bull ha rivelato che l’ambizione di costruire una galleria del vento non sia più soltanto sogno nel cassetto

Red Bull Racing ha in programma la costruzione di una nuova galleria del vento. La squadra di Milton Keynes prevede di ampliare la propria sede centrale con questa nuova infrastruttura, che dovrebbe essere completata entro due anni.
Il team austriaco possiede già una galleria del vento di proprietà, tuttavia, tale impianto è ubicato nel Bedford Technology Park, e dista circa 20 chilometri dalla sede. L’installazione dell’energy drink prevede però l’inaugurazione della nuova galleria del vento presso la sede inglese principale.

Se la squadra austriaca decidesse di proseguire in un simile scenario, farebbe la scia ad Aston Martin e McLaren, le quali stanno entrambe investendo e lavorando su gallerie del vento e altre infrastrutture associate che saranno attive a partire dal prossimo 2023.
Siamo nella fase di approvazione“, ha dichiarato il consulente della Red Bull, Helmut Marko, alla rivista Auto Motor und Sport.

La Red Bull ha intenzione di sfruttare tutti i mezzi possibili per costruire una vettura competitiva

I lavori dovrebbero essere ultimati entro il 2024 e convoglierebbero tutti i reparti del processo di progettazione della vettura sotto lo stesso tetto: area di progettazione, galleria del vento, simulatore e fabbrica di motori. Un progetto in tutto e per tutto assimilabile a quello della Ferrari, il loro principale rivale fino a questo momento del 2022.
Mercedes, invece, viaggia in direzione opposta, invece: separa i suoi stabilimenti in due filiali, Brackley e Brixworth.

Insomma, pare proprio che nell’immediato futuro la Red Bull si farà carico di massicci investimenti al fine di rendere il progetto ancora più competitivo.
Secondo il direttore tecnico Adrian Newey, gli spostamenti e la logistica non sono l’unico problema con l’attuale struttura della galleria del vento del team: “Semplicemente ci vuole troppo tempo per ottenere la velocità del vento desiderata, e questo ci sottrae molto del tempo a cui abbiamo diritto in galleria del vento”, ha concluso.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.