Curiosità dalla F1

Raffaele Marciello, addio alla Ferrari per colpa di…

L’arrivo in Ferrari di Maurizio Arrivabene, alla fine dello scorso anno, ha sicuramente rappresentato un momento fondamentale per la Gestione Sportiva del Cavallino Rampante. Da quando il manager bresciano si è insediato a Maranello nel ruolo di Team Principal, tante cose, e soprattutto tanti nomi, sono cambiati nei ruoli chiave in Formula 1. Nemmeno la Ferrari Driver Academy è rimasta esente da scossoni e l’ultima vittima eccellente di questa rivoluzione generale sembrerebbe portare il nome di Raffaele Marciello, uno dei piloti sui quali la scuderia di Maranello ha maggiormente investito in questi ultimi anni e punta di diamante del progetto giovani dopo la prematura scomparsa di Jules Bianchi.

La notizia dell’addio di Raffaele Marciello alla Ferrari ha fatto il giro del mondo ed è stata accolta dai colleghi di Autosprint che hanno intervistato in esclusiva il 21enne driver nato a Zurigo, ma con passaporto italiano, che ha confermato di aver lasciato l’Academy Ferrari a causa di screzi con Maurizio Arrivabene, uno dei principali motivi della rottura tra il talento e il Cavallino Rampante: «Con Arrivabene non ho mai avuto un gran rapporto. Lui non mi reputava adeguato per la Formula 1 e così è finita. Ci può stare, non posso piacere a tutti – ha continuato Raffaele Marciello, levandosi non pochi sassolini dalle scarpe – Non si sono impegnati molto: se avessero voluto, potevano trovarmi un sedile in un team con motore Ferrari».

Sicuramente sono state parole dure quelle del 21enne che si vedrà obbligato anche a lasciare il ruolo di test driver Sauber, team col quale aveva disputato alcune sessioni di prove libere al venerdì. Le mezze misure a Maranello sono scomparse e probabilmente Arrivabene ha in mente altri piloti sui quali puntare, come ad esempio Mick Schumacher, sempre più in orbita FDA, dati i recenti fatti. Nel 2016 Marciello si concentrerà completamente sulla GP2 dove correrà nel team Russian Time, in coppia con Artem Markelov, al posto di Mitch Evans. Ora sarà il tempo a suggerirci se la Ferrari ha sbagliato a farsi scappare l’italiano di Svizzera.

Topics
Pubblicità

Eleonora Ottonello

Mi chiamo Eleonora, ho 32 anni e sono di Genova. Scrivo per passione, nella vita di tutti i giorni sono un'educatrice cinofila. Non ho paura di dire (forse è meglio dire scrivere) quello che penso. Per me la sincerità e la franchezza sono alla base di ogni rapporto umano. Sono pignola e puntigliosa ma disordinata e pasticciona allo stesso tempo.

2 Commenti

  1. C’e’ sempre un buon motivo in ferrari per fare fuori un pilota italiano,al signor arrivabene piacciono guardacaso i gutierrez gente che in f1 e anche prima non ha dimostrato nulla ma che e’ supportata da sponsor stratosferici;intanto gutierrez correra nel team haas e con i soldoni dei suoi sponsor paghera alla ferrari la fornitura dei motori.la gp2 e’ un campionato strano in cui non sempre se vinci sei piu bravo di chi non vince.la preparazione della vettura e’ fondamentale,l’anno scorso marciello batte van doorne a spa in casa sua in una gara memorabile quest’anno ha fatto fatica ma puo stare in f1 ad alto livello come altri.pero piacciono di piu i quattrini di gutierrez

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close