DichiarazioniFormula 1

Racing Point: presentato l’appello contro la decisione della FIA

La scuderia di Stroll si è detta delusa e frustrata da quanto accaduto nel corso dello scorso weekend e ha deciso di mettere in atto tutte le azioni necessarie

Le questioni politiche sembrano non trovare pace in Formula 1 e, questa volta, ad alzare la voce è stata la stessa tanto discussa Racing Point

Ormai lo sappiamo. Le notizie degli ultimi giorni stanno ruotando quasi tutte attorno al nome della Racing Point e, almeno per ora, queste discussioni non accennano ad affievolirsi. Questa volta, però, a farsi sentire è stata la diretta interessata. Dopo aver ricevuto una reprimenda da parte della Federazione, la Racing Point ha deciso di ricorrere in appello contro quanto deciso dalla FIA.

Il team ha quindi informato la FIA in merito alla propria decisione, già presa nel corso della giornata di sabato scorso, ma resa concreta nelle 96 ore successive. Secondo quanto riportato da altre testate, la mossa della Racing Point deriverebbe dalla volontà di difendere l’innocenza della propria squadra, accusata di aver utilizzato nuovamente lo stesso progetto dei freni per cui era stata precedentemente multata e penalizzata.

PAROLA A LAWRENCE STROLL

Ad aver annunciato pubblicamente la cosa è stato il boss della scuderia, che questa volta ha voluto mettere a tacere personalmente le voci che circolano sul suo team: “Di solito non parlo in pubblico, ma sono veramente molto arrabbiato per le insinuazioni che ci hanno descritto come disonesti o che dicono che abbiamo imbrogliato […]. Non ho mai barato. Queste accuse sono inaccettabili e false”.

In particolare, la delusione di Stroll deriva soprattutto dai commenti rilasciati da altri team, anche se la frustrazione dovuta alla decisione della FIA ha chiaramente giocato un ruolo fondamentale. Il proprietario della Racing Point ha poi continuato: “Ho intenzione di intraprendere tutte le azioni necessarie per dimostrare la nostra innocenza. Il mio team ha lavorato senza sosta per costruire una monoposto competitiva come quella che abbiamo ora sulla griglia di partenza. Sono davvero sconvolto dalla mancanza di sportività dei nostri rivali”.

Insomma, la questione Racing Point è destinata a protrarsi ancora a lungo, soprattutto dopo l’appello presentato anche da Renault e Ferrari. Ora il tutto approderà nelle mani della Corte d’Appello della FIA e verrà discusso in una data ancora sconosciuta. Nel frattempo, come reso noto nelle scorse ore, McLaren e Williams hanno invece deciso di tirarsi fuori da questa situazione.

Pubblicità

Anna Vialetto

Anna è sinonimo di determinazione, concentrazione e curiosità. Ho sempre studiato e lavorato per rincorrere e realizzare i miei sogni, con l'obiettivo di concretizzarli in quella che è la mia più grande passione: l'automotive. La Formula 1 per me è parte integrante della mia personalità: il rombo dei motori, i sorpassi all’ultimo centimetro, la velocità delle monoposto. Ma soprattutto, tutto il mondo che sta dietro allo spettacolo in pista: l'organizzazione, la comunicazione, il marketing, l'energia...la stessa che, fin da quand'ero bambina, mi ha portata a coltivare questo grande amore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Utilizziamo servizi di terze parti per analizzare il traffico sul nostro sito e restare in contatto con i nostri visitatori. Vengono quindi trattati dati di navigazione, indirizzi IP anonimizzati e altri dati simili per mezzo di cookie, come indicato nelle nostre policy. Accettando l’uso dei cookie ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.