DichiarazioniFormula 1

Poole, l’acquisto Red Bull sarà il successo per Mercedes

In un’esclusiva intervista, Toto Wolff spiega l’importanza del ruolo di Jayne Poole nella rinascita della propria scuderia

Solo parole di elogio dalla bocca di Toto Wolff: il team principal è convinto che Jayne Poole sia la chiave del ritorno al successo per Mercedes

Alla vigilia del Gran Premio del Bahrain, l’ex direttrice delle risorse umane per Red Bull, Jayne Poole, accompagnava fianco a fianco Toto Wolff nel paddock, nel suo nuovo ruolo di consulente senior. In quell’occasione, veniva così rivelato che l’ex membro del team Red Bull sarebbe entrata a far parte della scuderia tedesca. E con un ruolo non da poco: lavorando a stretto contatto con Wolff, il suo compito sarà quello di aiutare la squadra a modernizzarsi e a ritornare ai gradini più alti del campionato.

Mercedes Red Bull Poole
Credits: Mercedes-AMG PETRONAS F1 Team Twitter

Sono trascorsi quasi tre mesi dall’ingaggio di Poole, e Wolff non potrebbe dirsi più soddisfatto di avere al suo fianco una figura tanto competente. “Ho conosciuto Jayne dieci anni fa, e per tutto questo tempo l’ho sempre ammirata e ho sempre avuto un rapporto molto cordiale con lei.” afferma il team principal, in un’esclusiva intervista. “Certo, lavorava per il nostro rivale, ma puoi nutrire rispetto per le persone che lavorano per i tuoi rivali e riconoscerne le capacità“.

“Credo che il suo ruolo in Red Bull abbia contribuito in gran parte al successo del team in questi ultimi anni. Quel rapporto si è concluso, come molte relazioni arrivano naturalmente a una fine. Volevo assumere Jayne da molto tempo, ma non è mai stato possibile. Adesso ci sono riuscito.” afferma orgogliosamente il team principal.

WOLFF E L’ACQUISTO DI POOLE DALLA RED BULL: “UN GRANDE BENEFICIO”

Tante parole di elogio per una figura sulla quale, a quanto sembra, Wolff riporrebbe gran parte delle speranze di ricrescita del suo team. “Lei è un ottimo acquisto. Conosce molte strategie, è un’ottima psicologa, ha visto come si lavora in un’altra organizzazione. Conosce tutti abbastanza bene, e ha creato dei profili forensi di tutte le buone figure in Formula 1. Avere i suoi occhi è un grande vantaggio nell’organizzazione“.

Quando un’organizzazione diventa matura e segue le sue strategie, e ha successo, hai bisogno di una prospettiva esterna, e di smuoverti un poco. Non parlo di reinventarsi, ma di considerare se il modo di agire di ieri è ancora competitivo oggi. Perciò, avere una persona con una prospettiva neutrale porta molti benefici. Quindi, ogni tanto, anche in un team di successo hai bisogno di acquisire ottime figure esterne, perché ti aiutano a fare il passo successivo.” ha concluso Wolff.

Alessia Verde

Di Napoli, classe 2002. Studentessa di Lettere Classiche all'Università Federico II. Innamorata follemente della Rossa. Con la Formula 1 è stato amore a prima vista, e nulla riesce a emozionarmi come fa lei. Ma ciò che mi emoziona di più è potervela raccontare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio