DichiarazioniFormula 1

Pesanti le accuse di Alonso, Ocon non ci sta: scintille fra i due

Il ventiseienne francese risponde alle polemiche mosse dall’asturiano al termine del Gran Premio messicano

A due gare dal termine del suo contratto con Alpine, Alonso sferra forti attacchi contro la scuderia

Hanno fatto grande scalpore le ultime dichiarazioni di Fernando Alonso. L’asturiano, al suo settimo ritiro stagionale, ha ipotizzato che i problemi riscontrati di frequente sulla sua vettura non siano soltanto frutto della sfortuna. In quanto, per il suo compagno di squadra, non si sono verificati gli stessi incidenti. A un’accusa del genere, mossa da Alonso dopo il GP del Messico, ovviamente non tardano ad arrivare le risposte sia di Esteban Ocon sia del team principal dell’Alpine, Otmar Szafnauer.

OCON DOPO IL MESSICO: “IO E ALONSO SIAMO UGUALI”

Il ventiseienne francese ha voluto mostrare come anche lui abbia sofferto di non pochi problemi nel corso di questa stagione. “Il mio cambio si è rotto a Imola e la vettura si è fermata a Silverstone.” dichiara, “Mi sono anche ritirato a Singapore. Abbiamo avuto problemi entrambi“. Inoltre, entrambi i piloti sono al sesto motore a combustione. Per quanto riguarda il turbo e l’MGU-H, sono quattro gli elementi utilizzati da Ocon, contro i cinque dell’asturiano: “Siamo esattamente gli stessi.” dice il pilota francese, “Anche io ho usato sei unità“.

Il boss Alpine, Otmar Szafnauer, ha invece voluto far notare come non sia la prima volta che in Formula 1 accadano situazioni di questo tipo. Ovvero che tra due piloti, con monoposto uguali, uno soffra particolarmente problemi su problemi. “Qualcosa del genere può succedere. Quando era alla Honda, Takuma Sato ha avuto 13 guasti al motore in un solo anno. Con Jenson Button ne ebbero zero. E’ emersa la stessa domanda, ma non siamo riusciti a trovare una risposta“.

SZAFNAUER: “E’ GIA’ CAPITATO, E’ SOLO SFORTUNA”

Un’ipotesi può riguardare il diverso stile di guida. Magari, uno si addice di più alla monoposto, mentre l’altro la mette più sotto sforzo. “Ci chiediamo sempre: Sato guidava correttamente? In modo diverso da Button? Penso che sia stata solo sfortuna.” sentenzia alla fine Szafnauer. Riguardo l’episodio del GP del Messico, dove Alonso stava costruendo una gara perfetta, il team principal afferma: “Ti senti sempre frustrato quando devi gestire in gara. Non c’era alcun rischio e avevamo già i punti assicurati, non eravamo sotto pressione. Questo rende il difetto ancora più fastidioso“.

Szafnauer afferma che il team non è ancora a conoscenza dell’origine del problema che ha causato il guasto al cilindro del motore di Alonso. “Abbiamo provato a tenerlo in gara in qualche modo, ma non ha funzionato.” dichiara. “Quel motore non sarebbe stato utilizzato se lo avessimo saputo. Non sappiamo ancora quale fosse la causa. Potrebbe essere stata una candela, o qualcos’altro.” conclude Szafnauer.

Alessia Verde

Di Napoli, classe 2002. Studentessa di Lettere Classiche all'Università Federico II. Innamorata follemente della Rossa. Con la Formula 1 è stato amore a prima vista, e nulla riesce a emozionarmi come fa lei. Ma ciò che mi emoziona di più è potervela raccontare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button