DichiarazioniFormula 1

Perez non è andato in Red Bull per fare il secondo pilota

In Olanda credono che il ruolo del messicano sia uguale a quello di Bottas in Mercedes, ma la sua fame di vittoria potrebbe ostacolare Verstappen

Perez non arriva alla Red Bull per essere la versione 2.0 di Valtteri Bottas. Non vuole essere il secondo pilota del team e lo afferma in ogni sua dichiarazione

Il 2021 per Sergio Perez può essere un anno indimenticabile ed è ben preparato ad affrontarlo più affamato che mai. Il pilota messicano ha aspettato quasi un decennio per avere la possibilità di competere in Formula 1 con una monoposto vincente. Il suo duro lavoro svolto negli anni ha portato la Red Bull a sceglierlo, facendogli ricoprire uno dei ruoli più difficili oggi: essere il compagno di squadra di Max Verstappen. Ma Perez ricoprirà il ruolo di secondo pilota?

Il messicano arriva alla Red Bull dopo aver battuto tutti i suoi compagni di squadra dal 2015. E’ quindi un ottimo momento per misurarsi fianco a fianco con uno dei più giovani talenti in griglia, che negli ultimi anni non ha avuto pietà dei suoi compagni. Christijan Albers crede che Sergio svolgerà un ruolo simile a quello che Valtteri Bottas svolge alla Mercedes. L’ex pilota di Formula 1 pensa che emulare il lavoro del finlandese con Lewis Hamilton sia proprio ciò di cui ha bisogno per guadagnarsi la fiducia della Red Bull a lungo termine.

“Non si può affiancare un grande talento accanto a Max, perché lo distruggerà. Se Checo riuscirà a sfruttare al meglio la monoposto ed essere dietro a Max, cioè se Perez farà il secondo pilota come lo fa Bottas in Mercedes, penso che possa far bene e restare in Red Bull a lungo termine, ha sottolineato Albers nelle dichiarazioni rilasciate dal portale web Racing News 365.

IL MESSICANO IGNORA CHI PENSA CHE NON POSSA BATTERE VERSTAPPEN

Sergio Perez rimane indifferente dinnanzi ai pareri provenienti dai Paesi Bassi. Sebbene il suo ruolo principale sarà quello di supportare Max nella lotta contro la Mercedes, ‘Checo’ non vuole essere un Valtteri Bottas 2.0. Questa sarà la sfida più grande della sua carriera sportiva e lui la affronterà al meglio, sapendo già cosa significa vincere in Formula 1, avendo svolto in più di un’occasione un ruolo da protagonista in Racing Point. “Mancano pochi giorni per tornare sulla monoposto. E’ stata una preseason molto intensa. Arrivo più preparato e più affamato che mai afferma il messicano sui suoi social.

Bottas non ha ottenuto alcuna vittoria prima di arrivare alla Mercedes. Ciò sebbene la Williams sia stata la terza migliore squadra in classifica, ma ha ottenuto solo podi. Perez, invece, ha ottenuto i suoi dieci podi e la sua vittoria con una squadra che è stata la quarta migliore della griglia. Dato il confronto, sorge una domanda: Cosa riuscirà a ottenere il pilota messicano tanto affamato di vittoria con la seconda migliore squadra in classifica dello scorso anno?

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.