DichiarazioniFormula 1

Perez: “Le auto 2022 non saranno il massimo da guidare”

Il messicano ha detto la sua sulle auto che debutteranno l’anno prossima e le impressioni non sembrano essere esaltanti

Nel 2022 in pista si vedranno macchine completamente diverse con meno carico aerodinamico e probabilmente meno eccitanti per i piloti

Ancora poche gare e poi si passerà ad una nuova generazione di vetture col ritorno dell’effetto suolo e meno carico aerodinamico per diminuire le turbolenze prodotte agevolando i sorpassi. I piloti è da gennaio che testano le nuove macchine al simulatore e le prime impressioni che ne sono venute fuori, non sono del tutto incoraggianti.

Lando Norris ha già dichiarato che le nuove vetture non sono così piacevoli da guidare. In un’intervista rilasciato a Motorsport.com durante la visita al Campus di Houston sede del partner Red Bull, Exxonmobil, Sergio Perez e il compagno di squadra Max Verstappen, invece, sono stati molto più diplomatici spiegando che è ancora presto per fare valutazioni sulle auto del prossimo anno.

SARÀ LA PISTA L’UNICO GIUDICE

“Non sembrano male, solo un po’ più lente”, ha detto Verstappen. “Alla fine però bisognerà portare l’auto in pista e valutarla lì”. Perez ha aggiunto che la macchina 2022 “non sembra troppo male” e che è “ancora molto presto”, ma ha anche notato come tutto sarà diverso rispetto alla generazione attuale di auto, che sono i più veloci nella storia della Formula 1.

“Ho guidato l’auto 2022 solo un paio di volte sul simulatore, quindi dobbiamo aspettare almeno il primo test in pista per trarre valutazioni“, ha proseguito Perez. “Ovviamente il regolamento sarà molto diverso rispetto alle normative vigenti. Penso che queste auto non le rivedremo più nella storia. Queste sono le migliori che abbiamo mai guidato, quindi ovviamente non sarà il massimo passare alle nuove vetture. Spero che siano comunque piacevoli da guidare”, ha concluso il pilota della Red Bull a margine dell’evento a casa Exxonmobil.

Soltanto dopo i primi test invernali i piloti potranno avere un’idea precisa di cosa avranno tra le mani per i prossimi anni.

Gabriele Gramigna

Mi chiamo Gabriele, sono un ragazzo molisano e studio chimica all'università di Padova. Dal 2018 scrivo per F1World, cercando di trasmettere la mia passione per la Formula 1 in tutti i miei articoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.