Formula 1Gran Premio Italia

Monza conferma la data del GP d’Italia

L’evento si terrà dal 4 al 6 Settembre, come stabilito inizialmente. Ancora però non è stato confermato se sarà a porte chiuse o meno

Le incognite riguardanti il nuovo calendario di Formula 1 per questa ridotta stagione del 2020 vengono gradualmente chiarite. L’ultimo chiarimento riguarda il GP d’Italia. Monza ha infatti confermato la data della gara tramite il suo account Twitter

Dal 4 al 6 settembre la Formula 1 disputerà il suo appuntamento abituale in Italia. Così facendo, la data prevista per il GP d’Italia nel calendario iniziale sarà mantenuta. In questo modo, l’obiettivo del Circus verrà in un certo modo soddisfatto. Alla fine di Aprile era stata annunciata l’intenzione di competere in Europa tra Luglio e Agosto, per trasferirsi in Russia e Asia a Settembre e Ottobre. Tutto sembra indicare che l’Italia dovrebbe quindi essere l‘ultimo evento europeo.

In quella stessa dichiarazione, la Classe Regina del Motorsport ha chiarito che almeno le prime gare dell’anno si sarebbero svolte senza un pubblico in tribuna. Tenendo conto del fatto che l’Italia è stata l’epicentro del Coronavirus in Europa e uno dei paesi più colpiti in tutto il mondo, è molto probabile che nonostante l’evento si disputerà a Settembre, il GP d’Italia sarà comunque a porte chiuse.

 

POSSIBILITA’ DI DISPUTARE GARE SU PISTE NON PRESE IN CONSIDERAZIONE PRIMA

La celebrazione del GP d’Italia a Monza è un’ottima notizia per tutti i fan italiani e anche per la Ferrari. Quelli di Maranello potranno competere in casa in una stagione che sarà particolarmente peculiare a causa delle circostanze. In attesa di un via libera da parte del governo austriaco, il Red Bull Ring situato a Spielberg ospiterà per il momento non solo la prima gara dell’anno, ma anche la seconda, che si svolgerà nel fine settimana del 12 luglio.

Com’era prevedibile, per questa stagione alcuni appuntamenti non saranno più presenti nel calendario oltre all’Australia o a Monaco, che sono già stati definitivamente cancellati. Si parla anche della possibilità di disputare gare su dei tracciati che inizialmente non erano nei piani della Formula 1. Ciò l’ha recentemente riconosciuto Chase Carey.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button