DichiarazioniFormula 1

Mercedes, Wolff: “Non sappiamo nulla dei problemi al cambio”

Il boss del team di Brackley è intervenuto sul guasto meccanico che, in mattinata, ha interrotto la sessione di test di Bottas

Le Frecce Nere hanno ammesso che ancora non è stata compresa la problematica che ha limitato a soli sei giri la sessione mattutina di test

Valtteri Bottas è stato il primo pilota Mercedes a essere sceso in pista, in Bahrein, nel corso dei test che danno inizio alla nuova stagione. Tuttavia, il finlandese non è riuscito a stare in pista per tutto il tempo previsto. Poco dopo essere uscito dai box, infatti, il cambio della sua W12 non ha più funzionato a dovere, rendendo necessaria la sostituzione. Bottas è riuscito a tornare in pista, ma non per molto, poiché ha accumulato solo sei giri cronometrati prima di dover consegnare la macchina a Lewis Hamilton.

Parlando dopo la sessione mattutina, il capo della Mercedes, Toto Wolff, è intervenuto sulla questione: “Abbiamo avuto un problema al cambio che è venuto fuori dal nulla, non eravamo pronti a identificarlo o capirlo. Se riuscissimo ad avere una guida più fluida da questo momento in poi, penso che potremmo recuperare. Se dovessero uscire altri ostacoli, con soli tre giorni di test a disposizione, non c’è molto da fare.

Hamilton ha avuto più fortuna del suo compagno di squadra, nel corso del pomeriggio, ma la vettura ha comunque trascorso diverso tempo nel box. Non è stato l’inizio ideale per il costruttore, che affronta il campionato 2021 alla ricerca dell’ottava vittoria consecutiva del titolo mondiale. Wolff non è particolarmente preoccupato per la mancanza di azione in pista, poiché pensa che la situazione sarà migliore in occasione della prima gara.

LE DICHIARAZIONI DEL BOSS MERCEDES SUL GUASTO AL CAMBIO

“Sarà molto vaga la nostra idea dei test dopo la loro fine – ha affermato Wolff –. Penso che il Bahrein sia rappresentativo per tutte le situazioni in pista, ma in questi giorni ci sono molte raffiche, le condizioni del vento cambiano da un giorno all’altro. Ovviamente non conosciamo i carichi del carburante, c’è una bella differenza nelle prestazioni”.

“L’immagine vaga della situazione sportiva passerà a fine marzo, quando si spegneranno i semafori e avrà inizio il primo weekend di gara. In qualifica sapremo tutto. Penso che la monoposto stia bene, ottimizzando il fondo attorno alla mancanza di prestazioni aerodinamiche, che abbiamo subito con i nuovi regolamenti, speriamo di ottenere massime prestazioni”, ha concluso l’austriaco.

Amedeo Barbagallo

Catania, 2001. Studio Filosofia e curo un Blog. Collaboro con F1world. Sono l'autore del libro "I ragazzi che salvarono il mondo", Santelli Editore.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.