Formula 1Tecnica F1

Mercedes rimuove il “legality wire” dall’ala anteriore

La squadra di Brackley sta faticando molto da inizio stagione e, in occasione del Gran Premio di Monaco, ha introdotto una nuova specifica di alettone anteriore

Inizio stagione complicato per Mercedes, che arriva a Monaco con una nuova specifica di ala anteriore, questa volta senza il “legality wire”

Mercedes sta cercando di risolvere i suoi problemi, portando nel weekend di Monaco un alettone senza il cosiddetto “legality wire”. Questo è solo uno degli innumerevoli aggiornamenti introdotti dalle Frecce d’Argento, che sembrano ancora faticare nella comprensione della loro vettura. Sarà forse questa innovazione quella che riaprirà la loro stagione?

Non sono queste le prestazioni che ci si aspetta da un team che ha dominato la classe regina per quasi un decennio. La verità è che Mercedes presenta lacune già dal 2022, vittima forse di un progetto fallimentare sviluppato sul cambio di regolamento. Quest’anno la loro migliore prestazione è avvenuta tra le strade del Principato, con un quinto posto per Russell e un settimo posto per Hamilton. Nonostante ciò il team di Brackley rimane quarta forza, preceduto da McLaren, Ferrari e Red Bull.

La rivalutazione del concept potrebbe segnare una svolta?

Nel 2022 Mercedes è stata l’unica squadra a introdurre il concetto “zero sidepods”, che prevedeva la totale assenza delle pance. Nonostante questa innovazione si sia rivelata fallimentare, a Brackley hanno impiegato quasi un anno e mezzo per abbandonarla completamente. Questo ritardo nel cambio di rotta ha portato numerose conseguenze, di cui ancora oggi risentono l’effetto.

Un’altra soluzione risalente a inizio stagione è un’ala anteriore dotata di “legality wire”. Quest’ultimo è necessario a portare maggior flusso d’aria al fondo della monoposto e nella zona del sottosquadro, generando velocità. Questa innovazione avrebbe dovuto inoltre generare un vortice che avrebbe aiutato la rimozione di aria sporca dalle ruote anteriori.


Mercedes ha però cambiato ulteriormente direzione. A Monaco ha infatti debuttato una nuova specifica senza il legality wire. Il ruolo di questo nuovo concept è quello di generare continuamente carico aerodinamico, a seconda delle condizioni e delle zone del tracciato. Con questo Brackley punta ad aumentare la finestra di utilizzo dell’alettone anteriore. Un altro aspetto positivo di questo aggiornamento è il miglioramento del controllo che gli ingegneri potranno avere sulle sezioni mobili del flap. Ciò significa che le modifiche applicate a seconda del tracciato saranno maggiori, permettendo alla monoposto di adattarsi meglio al circuito su cui si trova.

A Monaco abbiamo visto Russell, con specifica vecchia, avere la meglio su Hamilton, che portava invece gli aggiornamenti. Questo perché la natura del circuito di Monaco non consente di ottenere una risposta veritiera. Il prossimo weekend in Canada, a causa delle sua caratteristiche, costituirà quindi il vero e proprio banco di prova per le Frecce d’Argento. Sarebbero poi in arrivo altri aggiornamenti, previsti per Spagna e Belgio. Con questi Mercedes spera di ritrovare la “retta via”, e di poter tornare a competere con i rivali.

Di: Lavinia Masciocchi

 

Redazione

News in tempo reale, classifiche aggiornate, foto e video delle gare, F1 live, piloti, team, Gran Premi in diretta web, e curiosità dal grande mondo della Formula 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio