Formula 1Gran Premio Sakhir

Mercedes multata a seguito dell’errore al pit stop di Russell

Il team tedesco è stato multato dai commissari dopo aver montato accidentalmente le gomme di Bottas sulla vettura di Russell

Dopo l’abbaglio in casa Mercedes c’era preoccupazione che a essere sanzionata potesse essere la monoposto n. 63. Invece la FIA ha deciso di multare il team 

Nel weekend appena passato George Russell ha fatto il suo debutto sulla Mercedes W11 sostituendo Lewis Hamilton positivo al Covid-19. Domenica l’inglese ha conquistato i suoi primi punti in Formula 1 arrivando nono al termine della gara e ottenendo il giro veloce. Ma non era certamente questo che si aspettava Russell. La sua leadership nel GP di Sakhir non era stata messa in discussione fino un doppio pit stop un po’ pasticciato. E poi le speranze di arrivare in testa sono definitivamente cessate dopo una foratura, a meno di nove giri dalla fine, che ha costretto il n. 63 a una nuova sosta. 

La confusione al doppio pit stop è stata dovuta a una mancanza di comunicazione con il box dell’inglese. I meccanici non erano infatti pronti e nella concitazione hanno montato accidentalmente le gomme di Bottas sulla vettura di George Russell. Il team, accortosi dell’errore, ha dovuto così richiamare il pilota di King’s Lynn dopo appena un giro. Di regola questa è un’infrazione per cui si applicherebbe una penalità sportiva (fino alla squalifica), ma al termine della gara i commissari hanno deciso di sanzionare solamente il team con una multa di 20.000 €.

COMUNICATO DELLA FIA

L’auto n. 63 era dotata degli pneumatici anteriori assegnati all’auto n. 77. Ciò è stato causato da un problema tecnico di comunicazione radio in cui non è stato recepito che l’auto n. 63 stesse rientrando prima (e non dopo) la n. 77 (…). Ciò ha fatto sì che le gomme delle n. 77 fossero accidentalmente montate sulla vettura n. 63“, così recita la prima parte del documento. 

La decisione dei commissari di sanzionare solamente Mercedes ha tenuto conto di alcune attenuanti. In primis l’ulteriore pit stop a cui è stato costretto Russell, il secondo luogo c’é il fatto che tutto questo ha rallentato anche la sosta di Bottas; infine c’era da considerare che vi è “tolleranza di tre giri” per una infrazione molto simile. Difatti questo è un episodio che non è previsto dal regolamento, e che prima mai si era verificato. Ma che ha una certa somiglianza con l’articolo 24.4 b) che gli stewards raccomandano alla FIA di adeguare visto ciò che è successo. 

Silvia Quaresima

Il mio amore per la Formula 1 é sempre stato lì con me, fin da quando ho ricordo delle vittorie di Michael in rosso. Ma con il tempo è cresciuto così tanto che ora c’è voglia di esserne parte e di raccontarla.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.