Formula 1Gran Premio Belgio

Mercedes: a Spa per ritrovare il successo

Sul mitico tracciato belga il team anglo-tedesco non vince da ormai due anni

Una squadra solida e ambiziosa come la Mercedes non è abituata a certe cose eppure in Belgio la vittoria manca da due anni

La Mercedes arriva a Spa con l’obiettivo di tornare a vincere dopo due anni di dominio Rosso. L’ultimo successo del team risale a due anni fa quando Lewis Hamilton riusci a tenere a bada Sebastian Vettel sui lunghi rettilinei delle Ardenne. L’imperativo per quest’anno è tornare lì dove mancano dal 2017.

Toto Wolff team principal della squadra ha spiegato: “Abbiamo davvero rivisto in Spagna la vera immagine della squadra. Dopo aver sofferto a Silverstone, abbiamo analizzato i problemi e siamo giunti alle migliori conclusioni in pochi giorni. Molte persone hanno lavorato duramente con l’obiettivo di disputare una gara migliore a Barcellona con prestazioni migliori. Quello che abbiamo fatto domenica ne è stato un chiaro esempio”.

In Catalunya si è registrata una prova di forza spaventosa da parte della Mercedes, capace in meno di una settimana di rimediare ai problemi di consumo gomme, che a Silverstone erano costati la vittoria.

Anche il problema usura sembra ormai un lontano ricordo

“Vincere in Spagna è stata una grande ricompensa per tutto il lavoro svolto nei giorni precedenti. Sono molto orgoglioso che la squadra non smetta di alzare l’asticella. La scorsa settimana sia noi che le altre nove squadre abbiamo firmato il Patto di Concordia. Abbiamo sempre detto di voler restare in Formula 1, quindi l’accordo non ci sorprende, ma siamo felici di aver portato le trattative a una conclusione positiva”.

“Attendiamo con impazienza questa transizione che avverrà nei prossimi anni, che sarà la più grande mai vissuta nella storia. Il premio andrà alle squadre più aperte, quelle che si adatteranno al meglio al nuovo cambio di regola. Dopo una settimana di ferie, abbiamo iniziato il terzo trittico di gare dell’anno. La nostra prossima gara è a Spa, dove non vinciamo dal 2017 ed è come se avessimo un conto in sospeso. È una pista iconica e una delle preferite di fan”.

“Ovviamente, trovare il miglior bilanciamento è spesso difficile. Da un lato vuoi un basso carico aerodinamico per avere velocità sui rettilinei, ma dall’altro, hai bisogno di un buon livello di carico per essere veloce in curva. Inoltre, la possibilità di pioggia per il fine settimana non faciliterà il nostro lavoro”. Toto fa cenno al rischio pioggia previsto per domenica. Nel 2010 l’ultima edizione del Gran Premio disputatosi sotto l’acqua.

Gabriele Gramigna

Mi chiamo Gabriele, sono un ragazzo molisano e studio chimica all'università di Padova. Dal 2018 scrivo per F1World, cercando di trasmettere la mia passione per la Formula 1 in tutti i miei articoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.