DichiarazioniFormula 1

McNish su Perez: “darà filo da torcere ad Horner”

Secondo l’ex pilota di Formula 1 Allan McNish, l’andamento del pilota messicano nelle ultime gare è destinato a dare un mal di testa al suo team principal

La strabiliante forma di Perez potrebbe essere un problema in Red Bull e per Horner a detta di Allan McNish

Perez sta facendo scintille sulla pista, come si è già notato dal GP di Monaco in cui ne è uscito vincitore. Ma ciò fa bene alla Red Bull? Secondo l’ex pilota di Formula 1 e vincitore di Le Mans McNish, l’andamento di Perez in pista è destinato a dare del filo da torcere a Horner. Perez ha trovato il suo terreno correndo con le nuove auto, segnando una pole position a Jeddah, e la vittoria a Monaco.

Perez ha ottenuto un ulteriore contratto biennale con la Red Bull fino alla fine del 2024, e l’ex pilota Allan McNish crede che il messicano darà a Christian Horner un gran “mal di testa” a causa della sua forma paragonabile a quella di Max Verstappen. Sergio ha guidato una gara fantastica“, ha detto McNish al podcast della F1 Nation dopo il weekend di Monaco. “Lo porta a 15 punti dalla testa del campionato. Certamente dà a Christian Horner un po’ di mal di testa positivo. Direi che è un problema di lusso da avere – ci sono un sacco di squadre che vorrebbero essere in quella posizione.”

“PIU’ VELOCE DI MAX VERSTAPPEN”

La sua vittoria è arrivata anche sette giorni dopo che è arrivato secondo dietro a Verstappen in Spagna. Nella gara ispanica Perez è stato costretto dalla Red Bull a stare dietro al pilota olandese quando avrebbe potuto sfruttare la sua strategia dei due stop in modo migliore. McNish parla anche di questo: ” Ha guidato davvero una buona gara, e si è messo in posizione quando la Ferrari forse non ha avuto la strategia giusta”, ha commentato.

“Probabilmente per me durante il fine settimana… era più veloce di Max Verstappen, costantemente più veloce di Max. E essere più veloce di Max, in qualsiasi momento, è piuttosto difficile”. E continua: “Penso che si sia messo in una posizione in cui, all’interno della Red Bull, non è un numero due. Sta diventando come un numero uno. Questo è qualcosa che è molto buono per loro, perché hanno due ragazzi forti nella lotta contro la Ferrari. Aggiunge in conclusione McNish.

 

Maria Sole Caporro

Sono Maria Sole, romana e romanista, laureata in lingue e letterature. Sono da sempre appassionata di motori da quando fin dalla tenera età non potevo andare al mare la domenica perché i miei genitori dovevano vedere il GP. Cresciuta a pane e formula 1 con contorno di letteratura, sono qui per coniugare la mia voglia ed esigenza di scrivere e la passione per le monoposto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.