DichiarazioniFormula 1

Mazepin e la tensione con il suo collega Schumacher

Il rookie russo rivela di non avere nessun risentimento verso il suo collega di scuderia nonostante i vari scontri durante il weekend in Olanda

Dopo Zandvoort si pensava che ci fosse della tensione tra i due piloti Haas, ma Mazepin rivela che non c’è alcun astio tra i due

Sportellate tra compagni di squadra in quel di Zandvoort lo scorso weekend. Episodi che hanno portato i due piloti ad avere un colloquio faccia a faccia con il team principal della Haas, Guenther Steiner. Tutto è cominciato il sabato, durante le qualifiche in cui Mazepin è rimasto infastidito dal comportamento di Schumacher. Il russo ha infatti incolpato Mick di aver rotto l’accordo con la squadra passandolo in pista prima dei loro giri di qualificazione finali di sabato, rovinando la sua sessione. Da qui sembrava che fosse scoppiata la tensione tra Mazepin e Schumacher.

Ma non finisce qui. Domenica infatti è stato Schumacher la parte lesa in seguito ad una mossa difensiva sul rettilineo principale alla fine del giro iniziale di Mazepin, costringendolo a ritirarsi all’ultimo momento. Il tedesco incolpa Mazepin di avergli rovinato la corsa”, ma senza motivo di tensione tra i due. Proprio per questo Nikita ha dichiarato che: “c’è stata una certa tensione. Ma per quanto mi riguarda non mi importa tanto con chi sto duellando. Lo sto facendo con rispetto, e non darò più di quanto dovrei”. Alla domanda se ci fosse tensione tra lui e Schumacher, risponde: “nessun problema, ma voglio essere davanti”.

PARLA GUENTHER STEINER

Anche il team principal Haas, Steiner, interviene sulla questione della presunta tensione tra i due rookie Mazepin e Schumacher. Secondo il manager e ingegnere italiano non è questo un buon momento per i battinecchi tra colleghi. E aggiunge: “ci sono già passato prima, lo sistemeremo. Preferisco avere ora il tempismo giusto, che il prossimo anno, ad essere onesti. Almeno abbiamo un po’ di tempo per sistemarlo. Abbiamo nove gare da fare, abbiamo bisogno di risolvere questa questione. Ora è un grande compito da svolgere. E ci lavoreremo sodo”.

Maria Sole Caporro

Sono Maria Sole, romana e romanista, laureata in lingue e letterature. Sono da sempre appassionata di motori da quando fin dalla tenera età non potevo andare al mare la domenica perché i miei genitori dovevano vedere il GP. Cresciuta a pane e formula 1 con contorno di letteratura, sono qui per coniugare la mia voglia ed esigenza di scrivere e la passione per le monoposto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.