Formula 1Gran Premio Emilia Romagna

Masi: “Pronti a prolungare i regimi di safety car”

Il direttore di gara ha risposto alle critiche dopo alcuni episodi avvenuti tra Imola e Istanbul

Macchine troppo vicine ai marshal, o auto in pista con le gru ancora in azione. Due episodi visti in Emilia e in Turchia, finalmente chiariti da Masi

La Formula 1 è pronta a prolungare i regimi di Safety Car per evitare i rischi corsi durante il GP dell’Emilia Romagna. A Imola sei piloti hanno avuto il permesso di sdoppiarsi e superare la vettura di sicurezza nonostante i commissari di pista stessero ancora lavorando per ripulire la sede stradale. Agli inglesi di RaceFans.net Michael Masi, direttore di gara, ha spiegato che in futuro le procedure potrebbero essere diverse.

“Abbiamo già cambiato le modalità di sdoppiaggio, ne abbiamo discusso con i team manager e i piloti”, ha spiegato l’australiano. “Ma ho anche chiarito che in queste circostanze potrebbero essere necessari uno o due giri in più. Questa è solo una delle tematiche che abbiamo affrontate. Abbiamo avuto una bella discussione sia con i team manager giovedì in Turchia, sia con i piloti venerdì sera. E al momento, per come sono i regolamenti, è più un processo e un aspetto procedurale, che un vero aspetto normativo“.

Ulteriori preoccupazioni sulla sicurezza dei marshal sono state sollevate durante il Gran Premio di Turchia. I piloti hanno criticato la decisione della Race Control di iniziare la Q2, in condizioni di bagnato, mentre i commissari e una gru erano ancora in pista in curva otto per recuperare una vettura che era finita fuori durante la sessione precedente.

GRU IN PISTA: UN ERRORE NONSTANTE L’AMPIEZZA DELLA ZONA GIALLA

In realtà il semaforo verde era stato dato perché al direttore di gara era arrivata la comunicazione che al passaggio delle vetture la gru sarebbe stata oltre i guardrail. Al portale inglese, Masi ha spigato il retroscena, ammettendo che effettivamente la situazione è stata ‘assolutamente non ideale’.

“Mentirei se dicessi che era una situazione ideale”, ha dichiarato Masi. Tuttavia abbiamo esteso la zona di doppia bandiera gialla, quindi non solo dalla curva otto ma fin dall’inizio della curva sette per dare a tutti un ampio avvertimento. In più essendo impegnati in un out-lap per i piloti non c’erano motivi per spingere”.

Gli ultimi incidenti e le susseguenti Safety Car, hanno spinto in molti a sostenere che il controllo della gara abbia dato la priorità a mantenere “lo spettacolo” più che la sicurezza, una visione che Masi non accetta per niente, ma anzi aggiunge di aver chiarito che ai marshal deve essere dato tempo sufficiente per rendere sicure le sedi d’incidente: “In generale preferisco far fare un giro in più di Safety Car, ma garantire la tranquillità di chi lavora a bordo tracciato”.

Pubblicità

Gabriele Gramigna

Mi chiamo Gabriele, sono un ragazzo molisano e studio chimica all'università di Padova. Dal 2018 scrivo per F1World, cercando di trasmettere la mia passione per la Formula 1 in tutti i miei articoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.

Utilizziamo servizi di terze parti per analizzare il traffico sul nostro sito e restare in contatto con i nostri visitatori. Vengono quindi trattati dati anonimi di navigazione e altri dati simili per mezzo di cookie, come indicato nelle nostre policy. Accettando l’uso dei cookie ci aiuti ad offrirti un’esperienza migliore con i nostri servizi.