DichiarazioniFormula 1

Masi a Alonso: “Le regole applicate valgono per tutti”

Il direttore di gara risponde alle affermazioni del pilota spagnolo dell’Alpine, secondo il quale i commissari non sono equi nelle penalità

Fernando Alonso ha accusato i commissari di gara di essere influenzati dalla nazionalità del pilota, per le penalità. Michael Masi non ci sta e risponde

Michael Masi risponde a Fernando Alonso. Alla vigilia del weekend del GP di Turchia, parlando alla stampa, il pilota dell’Alpine sosteneva un differente trattamento da parte della direzione gara, nel distribuire penalità, talvolta con criteri alquanto discutibili. In particolare, lo spagnolo si riferisce all’episodio di Lando Norris che ha tagliato la riga bianca in entrata della pit-lane a Sochi, per la sua sosta verso il finale di gara.

Lando Norris non è stato penalizzato per quell’incidente. Per molti, come per esempio Frederic Vasseur, team principal di Alfa Romeo, il pilota inglese avrebbe dovuto essere sanzionato.

Secondo Fernando Alonso, i commissari di gara utilizzano criteri diversi o modificati, magari in base alla nazionalità del pilota nel distribuire la penalità: “Vediamo a quale nazionalità appartiene il pilota che ha attraversato la linea bianca, in entrata della pit-lane, e quindi quale penalità ha avuto”.

Non si è fatta attendere la risposta da parte di Michael Masi, direttore di gara, che ha affermato che le regole sono uguali per tutti i piloti, indipendentemente dalla loro nazionalità.

“Non sono molto d’accordo con ciò. Tutti i piloti, giustamente hanno le loro opinioni, e commentano internamente o attraverso i media. Questo va bene. Le regole sono applicate allo stesso modo a tutti,” ha così risposto Masi, riportato da Motorsport-Total.

“I commissari fanno parte di una corte indipendente, che controlla tutto. Verificano tutto, caso per caso”.

Poi ha aggiunto che, i commissari di gara sono lì che rivedono ogni singolo caso, con tutte le informazioni e dati a loro disposizione, e poi deliberano la loro decisione”.

COMMISSARI IMPASSIBILI CON FERNANDO

Per quanto riguarda il caso Norris, Masi ha così risposto:I commissari hanno preso la loro decisione, su quella situazione, in base a ciò che avevano. Questa è storia”.

“Tutti i team hanno il diritto di parlare di coerenza, e così via. Ma abbiamo dei parametri generici, e tutti sono ben consapevoli di dove sono”.

Domenica durante il GP di Turchia, Fernando Alonso è stato sanzionato, su decisione dei commissari di gara, con 5 secondi di penalità, per aver causato il testacoda a Mick Schumacher, mentre era intento a recuperare posizioni, dopo essere stato a sua volta spinto fuori pista da Pierre Gasly alla curva 1, dopo la partenza. Anche Pierre Gasly ha subito la penalità, per quell’episodio.

Non appena il commento di Alonso è stato reso pubblico, Masi ha aggiunto che i commissari sono rimasti impassibili: “Assolutamente no. Siamo fortunati ad avere un ottimo gruppo di commissari, per tutta la stagione. Posso dire che quanto detto da Alonso, non ha li ha messi ulteriormente sotto pressione”.

Giorgia Meneghetti

Mi chiamo Giorgia, nata nel 1986, e residente a Fermo nelle Marche. Diplomata in Perito del Turismo, e con ottime conoscenze di lingue straniere: Inglese, Francese, Spagnolo. La Formula 1 è una delle mie più grandi passioni, che seguo dal 1998. Grazie ai suoi protagonisti, piloti, monoposto, team ne sono rimasta talmente stregata, tanto da spingermi a scrivere, raccontarla e viverla attivamente, sognando e sperando di poter un giorno incontrarli, e diventarne parte, e magari in un lavoro.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.