DichiarazioniFormula 1

Marko: “Un altro 2020 porterebbe i team alla bancarotta”

L’austriaco ha commentato le difficoltà economiche che i team hanno vissuto in questa stagione, segnata dalla pandemia da Covid-19

Secondo Helmut Marko, le difficoltà sanitarie legate alla pandemia rischiano di mettere a repentaglio il futuro stesso della Formula 1

Helmut Marko non si è mostrato molto ottimista sul futuro a lungo termine della Formula 1. Le difficoltà sanitarie ed economiche del nostro presente hanno infatti messo a dura prova la tenuta dei team. E secondo le parole dell’austriaco, in caso di un altro 2020, sarebbero in molti a rischiare la bancarotta.

In tanti nel paddock condividono il pensiero di Helmut Marko. Un altro anno di gare senza fan sarebbe finanziariamente insostenibile. Soprattutto per i piccoli team, molti dei quali non godendo dei budget illimitati di Ferrari e Mercedes, vivevano sul filo del rasoio già prima di questa drammatica situazione.

“Riuscire a svolgere il campionato quest’anno in queste condizioni  è stata una cosa molto positiva. Ma vedere il paddock vuoto, vedere i volti dei protagonisti nascosti dietro le mascherine è frustrante dal punto di vista emotivo, così come da quello economico. Non può funzionare a lungo termine. Se le cose continueranno così non arriveremo a superare le due annate“, ha sottolineato Marko con  la solita chiarezza.

Allo stato attuale delle cose, è molto probabile che la situazione pandemica duri almeno fino alla prima metà del prossimo anno. Per salvare il 2020, Liberty Media ha dovuto ricorrere all’ingegneria finanziaria, spostando diversi asset pur di generare la liquidità richiesta. Ma per fare questo si sono persi dei soldi.

Solo nel terzo simestre del 2020 Liberty Media ha perso 88 milioni di euro. In queste condizioni è probabile che le squadre rieveranno molti meno soldi, forse 20 o 25 milioni in meno nel caso delle peggiori squadre del mondiale. Un deficit economico che può essere ancora maggiore se gli sponsor dovessero decidere di ridurre i loro contributi.

Questo scenario non rappresenta certo una prospettiva ottimistica, per di più per i team che dovranno affrontare ingenti investimenti in ricerca e sviluppo per adattarsi ai nuovi regolamenti. Per questo le parole di Helmut Marko suonano come un allarme. E ci dicono tanto anche sulla riflessione che si sta facendo in casa Red Bull sul proprio futuro, dopo che Honda ha deciso di abbandonare il Circus dopo il 2021.

 

Danilo Tabbone

Mi chiamo Danilo, ho 20 anni, vengo dalla Sicilia e studio all'Università di Palermo. La Formula 1 è la mia più grande passione, la seguo da quando ero bambino, e le emozioni che mi suscita sono parte integrante della mia personalità. Dal 2020 scrivo per F1world.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.