DichiarazioniFormula 1

Marko: “Le gare perse ci costeranno 100 milioni”

Il dirigente della Red Bull ha spiegato quali potrebbero essere i danni economici e finanziari per i team a causa dell’annullamento dei Gran Premi

Helmut Marko ha affermato che la cancellazione di cinque gare dal calendario di Formula 1 potrebbe avere effetti devastanti per i team da un punto di vista finanziario.

Tutte le scuderie del Circus hanno la loro massima entrata dai premi distribuiti a fine stagione in base alla posizione d’arrivo nel campionato costruttori. Ma quei premi potrebbero ridursi di un terzo a causa dell’epidemia globale causata dal Coronavirus.

La stagione 2020 prevedeva inizialmente 22 gare, ora con ogni probabilità se ne correranno nella migliore delle ipotesi 15. Alcuni team sperano ancora che le gare per ora rinviate possano effettivamente venire recuperate, ma alcuni GP come Australia e Monaco sembrano essere stati definitivamente annullati.

Tutte le squadre rischiano la perdita di entrate. Se vengono annullate cinque gare, 100 milioni andranno persi“, ha spiegato Helmut Marko. “La nostra fabbrica sta ancora lavorando a tutto gas. Speriamo che dopo la pausa estiva possiamo ricominciare. Vogliamo cogliere l’occasione e competere per il titolo con Max. La stagione deve ricominciare. Le nostre attività di marketing dovrebbero iniziare a metà maggio, manteniamo aggiornati tutti i piani“.

IL WEEKEND DI MELBOURNE

A 74 anni, Helmut Marko è fra i soggetti maggiormente a rischio in caso contragga il Coronovirus, pericolo a cui è stato esposto nei giorni passati in Australia prima dell’annullamento del Gran Premio.

“Sono atterrato (a Melbourne) venerdì, il giorno in cui hanno annullato il GP. Un numero enorme di persone di tutte le nazioni si è ammucchiato insieme in uno spazio ristretto. Se non ti prendi nulla lì, non saprei dove potresti. Dobbiamo affrontarlo tutti. Non credo nel chiudere completamente tutto. Il gruppo di persone a rischio è molto limitato. Poiché la possibilità di morte è molto più elevata rispetto a un’influenza normale”.

Marko ha infine detto come passa le sue giornate in quarantena: “Al posto di lavorare in ufficio, rispondo alla mia frustrazione sistemando il giardino e le piante con la motosega“.

Pubblicità

Luca Brambilla

Studente universitario all'università di Trento. Redattore presso F1world.it. Appassionato di giornalismo, cinema e sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button