DichiarazioniFormula 1

Formula 1: i benefici dei biocarburanti sul motore

Il passaggio del Circus a tali carburanti, con la nuova generazione di monoposto sembra destinato a innescare nuove lotte, per quel che riguarda lo sviluppo

Il passaggio della Formula 1 ai biocarburanti, con la sua nuova generazione di vetture sembra destinato a innescare un campo di battaglia di sviluppo a sorpresa, grazie alle caratteristiche di raffreddamento del motore

Le nuove regole per la sostenibilità disposte dalla Formula 1 ritardano, così si chiede ai team di far funzionare i loro motori con una miscela al 10% di etanolo sostenibile avanzato. I fornitori di carburante del Circus hanno già iniziato a lavorare per ottimizzare il potenziale del biocarburante. Il partner tecnico della Ferrari, Shell, ha rivelato infatti un’affascinante caratteristica del nuovo prodotto.

IL RAFFREDDAMENTO E’ UTILE PER IL MOTORE

Il responsabile dello sviluppo di Formula 1, Benoit Poulet, ha dichiarato a Motorsport.com: “L’aspetto interessante delle prestazioni delle monoposto è simile a quando si mette un gel di raffreddamento sulle dita: si sente la freschezza. Sarà lo stesso per il motore, in quanto raffredderà alcune parti dell’unità di potenza e questo potrebbe essere molto utile. Ci stiamo lavorando sodo. Le proprietà sono sicuramente interessanti per la combustione. Al momento abbiamo sicuramente scoperto che questo effetto di raffreddamento è buono per il motore.

I BENEFICI DELL’ETANOLO NELLA FORMULA 1

L’etanolo offre il vantaggio di raffreddamento avendo quasi tre volte il calore della vaporizzazione, come combustibile normale. Ciò fornisce un effetto di raffreddamento per la carica in entrata durante il ciclo di combustione. Una carica più fredda significa che la potenza del motore aumenterà. I produttori di motori potrebbero inseguire questo guadagno di potenza o scegliere di modificare le caratteristiche di raffreddamento, per far funzionare il motore a una temperatura diversa. Ciò potrebbe quindi avere un effetto a catena sull’aerodinamica della vettura.

SHELL A LAVORO PER IL NUOVO BIOCARBURANTE, DALLO SCORSO ANNO

Benoit ha affermato che Shell ha lavorato al nuovo biocarburante sin da quando sono state emanate le normative l’anno scorso. E’ una grande sfida ma siamo davvero felici di passare al carburante E10. Abbiamo persone che lavorano al progetto e persone che hanno familiarità con il nuovo carburante sostenibile. E’ un cambiamento che farà la differenza, perché l’etanolo ha alcune proprietà diverse rispetto agli altri idrocarburi” ha affermato. L’utilizzo di più biocarburanti in Formula 1 era originariamente previsto per il 2021, ma a causa del Coronavirus potrebbe essere rinviato al 2022.

Topics
Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close