DichiarazioniFormula 1

Marko: “Il nostro unico rivale sarà la Mercedes”

L’austriaco afferma che nella stagione del 2020 l’unico avversario della sua scuderia sarà il team di Brackley, in quanto non considera la Ferrari come una minaccia

Helmut Marko afferma che Mercedes e Lewis Hamilton saranno i principali avversari della Red Bull quest’anno, la Ferrari non la ritengono una reale minaccia

Oramai mancano poco più di due mesi prima dell’inizio della stagione di Formula 1 del 2020 che si terrà a Melbourne, così gli esperti stanno prevedibilmente ipotizzando un’altra battaglia tra i tre top team del Circus: Mercedes, Ferrari e Red Bull. Marko prevede innumerevoli vittorie per la Red Bull in questo 2020 e perché no, anche la conquista del titolo, in quanto afferma che la Ferrari non sarà in grado di competere per tale obiettivo. Questa previsione fa molto discutere in quanto per alcuni può essere realizzata, per altri l’ipotesi dell’austriaco che la Ferrari non sarà in lotta per il titolo è inaspettata.

Grazie ai notevoli progressi della Honda della scorsa stagione, che ha aiutato Max Verstappen a ottenere tre vittorie per il suo team, molti credono che la Red Bull sarà finalmente in grado di lottare a pieni voti per l’intera durata del campionato che sarà di ben 22 gare quest’anno. Il nostro avversario sarà la Mercedes, soprattutto Lewis Hamilton. Devo ammettere che guida perfettamente ed è il miglior pilota di Formula 1 in pista. Max Verstappen però verrà subito dopo” ha dichiarato l’austriaco ad Auto Bild.

HONDA QUASI ALLA PARI CON MERCEDES, SECONDO L’AUSTRIACO

“Per quanto riguarda la Ferrari, beh, siamo stati davanti a loro nell’ultima parte della stagione. Non hanno dimostrato un vantaggio come prima, soprattutto con il motore”  ha, in seguito, aggiunto Marko che parlando di motori, ha elogiato il lavoro della Honda e ritiene che il produttore giapponese abbia quasi raggiunto la Mercedes, infatti ha affermato: Sono quasi alla pari con la Mercedes, si deve solo perfezionare un po’ nelle qualifiche. Ma sono convinto che anche la Honda possa fare questo piccolo passo, e quindi spetta a noi costruire una monoposto fin dall’inizio che competerà per il titolo”.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button