DichiarazioniFormula 1

Magnussen: “Sono aperto a tutte le possibilità”

Il pilota danese non esclude un ritorno alla McLaren o alla Renault, se dovesse esserci la possibilità

Kevin Magnussen, pilota per Haas dal 2016, dichiara di essere disponibile per un eventuale passaggio ad una delle sue vecchie squadre

Nonostante il mondo del Motorsport sia fermo in questo periodo, il mercato piloti continua a lavorare. Una notizia di poche ore fa vede protagonista il danese Magnussen. Egli afferma di essere aperto a qualsiasi alternativa ad Haas, in particolare, a McLaren e Renault. Rispettivamente la sua squadra d’esordio e la sua ultima squadra prima dell’americana. 

La storia con queste due squadre non mi spaventa. Sono completamente aperto a tutte le possibilità. Anche se ho avuto momenti difficili con Renault e McLaren, ho un grande rispetto per entrambe le squadre. Sono stato messo in panchina dalla McLaren ed è stato davvero difficile, ma è la squadra che mi ha dato la possibilità in Formula 1, e ne sono ancora molto grato. La Renault, invece, è stata quella che mi ha dato un’altra possibilità quando sono stato effettivamente buttato fuori dalla Formula 1, quindi non posso ringraziarli abbastanza”, ha detto  Magnussen al quotidiano danese BT.

TRA ALTI E BASSI

Magnussen, poi, parla dei periodi critici nelle squadre: “E’ successo dell’altro, ed è quello che è. Da parte mia, né con McLaren né con Renault ho tagliato ponti, né credo che anche loro la pensino così. In ogni caso, è stata la leadership ad essere cambiata in entrambe le squadre”. 

Parlando di cambi di leadership, il pilota di Roskilde chiaramente si riferisce al trasferimento di Frederic Vasseur ad Alfa Romeo: “Fred Vasseur, che era il capo quando guidavo in Renault e parte dell’intero ambiente leggermente teso, oggi è, ad esempio, il capo dell’Alfa Romeo. Fred e io abbiamo avuto le nostre polemiche allora, ma oggi non ci sono assolutamente problemi quando ci incontriamo. Fortunatamente, tutte le cose buone oscurano anche le polemiche del passato che c’erano.

Sembra quindi che, nonostante il campionato fermo, sia il mercato sia i piloti siano completamente aperti a nuove alternative, tra mantenimenti e cambi rilevanti per la Classe Regina. Non ci sarà da sorprendersi se per la stagione 2021 vedremo vecchie conoscenze guidare monoposto diverse. E magari, vedremo nuovi volti in lotta per il tanto desiderato titolo mondiale. 

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Utilizziamo servizi di terze parti per analizzare il traffico sul nostro sito e restare in contatto con i nostri visitatori. Vengono quindi trattati dati di navigazione, indirizzi IP anonimizzati e altri dati simili per mezzo di cookie, come indicato nelle nostre policy. Accettando l’uso dei cookie ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.