DichiarazioniFormula 1

Magnussen: “Potremmo essere arrugginiti”

Secondo il pilota della Haas, la prolungata innatività potrebbe far arrugginire le abilità al volante di tutti i suoi colleghi

Kevin Magnussen afferma che quando la stagione finalmente inizierà, i piloti potrebbero essere fuori allenamento. Tuttavia, il danese non sembra essere preoccupato; in pochi giri tutto tornerà alla normalità

Il coronavirus ha provocato uno stop di quasi sette mesi all’intero mondo della Formula 1, che prevede di ripartire in Austria a inizio luglio. Diversi piloti hanno già avvertito che un periodo d’inattività così prolungato potrebbe rivelarsi fisicamente impegnativo al momento della riapertura del sipario. Kevin Magnussen, però, pur riconoscendo le preoccupazioni dei colleghi, le ha respinte fermamente.

“Non mi fa paura, anzi sarebbe emozionante in un certo senso”, ha dichiarato il danese a Sky Sports F1. “Siamo fermi da così tanto tempo, ma so che queste cose non le dimentichi per davvero. Diventi un po’ arrugginito, ma non completamente”. D’altronde, K-Mag è stato lontano dal Circus per oltre un anno, senza perdere l’aggressività e il talento che lo contraddistingue. Dall’ultima gara con la McLaren nel 2014 al debutto in Renault nel 2016, l’attuale pilota della Haas ha ammesso di aver percorso solo pochi giri di pista.

COME ANDARE IN BICICLETTA

Sono stato fuori per un’intera stagione nel 2015. E sono stato davvero completamente fuori da ogni macchina da corsa. Feci solamente due giorni di test, uno in DTM e uno su una LMP1, ma niente monoposto. Quando ho fatto il mio ritorno nei test invernali del 2016 su un’auto di Formula 1, non mi ci sono voluti molti giri. Mi sembrava di essere stato via solo per la sosta invernale. Sarà lo stesso per tutti. È eccitante, sarà bello tornare“.

Intanto, i dirigenti di Liberty Media e la FIA stanno stabilendo il protocollo di sicurezza che regolerà il ritorno alle gare. Per il 27enne danese, la F1 faticherà, ma ce la farà senza alcun dubbio. “Sarà un grande lavoro. Dovremo fare tutto il possibile per assicurarci di mettere tutti in sicurezza. Non è l’ideale, ma è meglio che non correre. Se ci riuniamo tutti ce la faremo.  Vedremo quali misure saranno apportate e cosa dovremo fare, ma da quello che ho sentito sarà parecchio diverso. Comunque, non vedo l’ora di tornare in pista“.

Pubblicità

Alberto Lanzidei

Mi chiamo Alberto, ho 24 anni e la mia passione sono le automobili. Seguo con attenzione il mondo delle corse e in particolare la Formula 1, massima espressione del motorsport. Sin dall'adolescenza il mondo dell'informazione sportiva attirava la mia curiosità, senza immaginare che un giorno ne sarei entrato a far parte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button