DichiarazionieSportsFormula 1

Leclerc: “Lo Streaming per far conoscere il vero me stesso”

Il pilota della Ferrari è felice di poter contribuire all’intrattenimento delle persone in questo periodo difficile

Il pilota del Cavallino Rampante Charles Leclerc si dice contento della sua parentesi da streamer. Secondo il ventiduenne monegasco, le persone possono usare le live per conoscere meglio il suo lato umano e distrarsi in questo periodo difficile

Nonostante la momentanea assenza d’azione sui circuiti di tutto il mondo, Charles Leclerc, il pilota monegasco della Ferrari, riesce a spiccare e a farsi notare dagli appassionati anche a motori fermi, riuscendo a portare una ventata d’aria fresca nel mondo dello streaming. Fresco vincitore delle F1 Esports Virtual Grand Prix Series, il ventiduenne di Monte Carlo è uno degli ultimi esponenti del Circus ad aggiungersi al panorama delle corse virtuali.

Leclerc si è detto sinceramente sorpreso dal successo ottenuto e dal numero di spettatori che continua a crescere. Streammare su Twitch era sicuramente un qualcosa che non mi sarei mai aspettato di fare – confessa il numero #16 della Rossa in una recente intervista video – “Devo però ammettere che mi diverte molto. Credo sia il modo più immediato con il quale interagire con le persone che mi seguono dando loro la possibilità di scoprire il vero me“.

L’ex-pilota Alfa Romeo ci tiene a fare una distizione tra ciò che avviene normalmente nel Paddock e ciò che si apprezza online. “Ovviamente in pista è diverso, c’è molta pressione, è difficile essere sé stessi. Su Twitch invece è molto più semplice. Correrendo contro gli stessi piloti della Formula 1 e conoscendoci tutti da così tanto tempo che possiamo essere noi stessi godendoci di più l’esperienza“.

IN PISTA DAL PROPRIO SALOTTO

Per il pupillo della Scuderia di Maranello l’obbiettivo primario dell’esperimento online è quello di intrattenere il più possibile i fan del motorsport. “Ad essere onesti il mio scopo principale è quello di intrattenere il pubblico a casa” – ammette Leclerc, che poi aggiunge – “e al contempo tenermi occupato. Cerco di farmi venire più idee possibili per aiutare le persone che probabilmente non hanno la possibilità di avere un simulatore come ce l’ho io. Vorrei poterle mettere di buon umore. L’interesse del monegasco però non è indirizzato solo allo svago dei supporters del Circus.

Proprio Leclerc è stato uno degli organizzatori principali delle Race for the World, l’evento di beneficenza a supporto della raccolta fondi della World Health Organization contro il Coronavirus. La competizione ha visto la partecipazione di moltissimi piloti ufficiali della Formula 1 o provenienti dalle categorie minori oltre a illustri ospiti esterni. Grazie alla serie di GP oltre settantamila dollari sono stati raccolti e devoluti al fondo del WHO. “Credo che le cose che abbiamo organizzato insieme a George (Russell), Nicholas (Latifi), Alex (Albon) e gli altri piloti abbiano funzionato abbastanza bene”.

Il Charles streamer “d’eccezione” però non dimentica le sue origini, e ci tiene a precisare: “Credo che il simracing mi tenga concentrato sul mio obbiettivo e a non dimenticare che sono qui soprattutto per gareggiare. Ho ancora la competizione in mente e ciò mi aiuta a superare questo strano momento. Non vedo l’ora di poter tornare nella monoposto“.

Pubblicità

Matteo Tambone

Mi chiamo Matteo, sono uno studente di Laurea Triennale in Fisica presso l'Università Federico II di Napoli. Velista e windsurfer, mi piace considerarmi uno sportivo a tempo pieno. Appassionato di Motorsport in tutte le sue forme, seguo la Formula 1 da sempre ed è uno dei miei argomenti di discussione preferiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Utilizziamo servizi di terze parti per analizzare il traffico sul nostro sito e restare in contatto con i nostri visitatori. Vengono quindi trattati dati di navigazione, indirizzi IP anonimizzati e altri dati simili per mezzo di cookie, come indicato nelle nostre policy. Accettando l’uso dei cookie ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.