DichiarazioniFormula 1

Leclerc: “Dobbiamo solo lavorare a testa bassa”

Il giovane pilota di Maranello ha invitato il proprio team a non preoccuparsi delle speculazioni in corso e di concentrarsi solamente sul lavoro da fare per migliorare le prestazioni della monoposto

Dopo le prime dichiarazioni rilasciate durante la settimana, il monegasco torna sull’argomento ammettendo di non essere interessato alle speculazioni in corso

In queste settimane successive ai test pre-stagionali, il team di Maranello sta cercando di rispondere e di far fronte alle voci secondo cui il vero potenziale non sia ancora emerso. Nonostante le parole di Binotto, sicuro che la Ferrari non riuscirà a vincere a Melbourne, Leclerc è tornato sull’argomento. Il giovanissimo pilota ha ammesso di non prestare attenzione alle chiacchiere che si stanno susseguendo, non avendo alcun interesse nell’individuazione del team più forte attualmente in pista.

DISINTERESSE E CONCENTRAZIONE

Al momento, l’analisi dei tempi fatti registrare da Leclerc e Vettel hanno preoccupato la Ferrari, che anche quest’anno non sembra essere partita nel migliore dei modi. Tuttavia, un po’ controcorrente rispetto a quello dichiarato dal suo team principal, il monegasco ha preferito lavorare sui dati e comportarsi di conseguenza.

A essere onesto, mi concentro solo sulla guida. Mi sto focalizzando sul mio lavoro e sto cercando di migliorare la mia posizione. Abbiamo un sacco di lavoro da fare, quindi provo a concentrarmi il più possibile su ciò che mi riguarda. Tutte le altre chiacchiere, alla fine, non hanno importanza”.

Proprio per questo, intervistato da Crash.net, Leclerc ha dichiarato anche di aver individuato i suoi punti deboli. Di conseguenza, questo gli sta permettendo di puntare meglio al loro miglioramento, soprattutto per quanto riguarda la gestione delle gomme.

LA POSSIBILITA’ DI LECLERC PER BATTERE HAMILTON

Compiendo il lavoro adeguato, il monegasco è anche sicuro di poter battere il campione del mondo in carica: “Nessuno è imbattibile. Nemmeno Lewis, anche se è ovviamente un grande campione. È sicuramente più esperto di me, è in Formula 1 dal 2007 mentre io solo dal 2018, quindi è normale che sia più completo di me”.

Il problema attuale, però, starebbe proprio nell’attuale poca preparazione della scuderia. A “Il Resto del Carlino” Leclerc ha ammesso di non essere preoccupato e di essere sicuro che la Ferrari sarà in grado di migliorare proprio come successo nel 2019, anche se in questo caso l’urgenza è maggiore.

L’anno scorso abbiamo avuto un notevole miglioramento dalla prima all’ultima gara. Ci siamo avvicinati alla Mercedes. Dobbiamo solo abbassare la testa e cercare di concentrarci su noi stessi, come sempre. Sono fiducioso che faremo passi avanti, proprio quelli di cui abbiamo bisogno per avvicinarci se dovessimo rimanere indietro già dalla prima gara”.

Pubblicità

Anna Vialetto

Anna è sinonimo di determinazione, concentrazione e curiosità. Ho sempre studiato e lavorato per rincorrere e realizzare i miei sogni, con l'obiettivo di concretizzarli in quella che è la mia più grande passione: l'automotive. La Formula 1 per me è parte integrante della mia personalità: il rombo dei motori, i sorpassi all’ultimo centimetro, la velocità delle monoposto. Ma soprattutto, tutto il mondo che sta dietro allo spettacolo in pista: l'organizzazione, la comunicazione, il marketing, l'energia...la stessa che, fin da quand'ero bambina, mi ha portata a coltivare questo grande amore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button