Curiosità dalla F1Formula 1

Leclerc, cosa combini? La storica monoposto di Lauda distrutta

Il pilota monegasco ha perso il controllo della Ferrari 312 B3 del 1974 durante il Monaco Historic Grand Prix

La sfortuna di Leclerc a Monaco non si è ancora esaurita. Questa volta, il danno è costoso

Quando pensavi di avere già avuto tutta la sfortuna del mondo a Monaco e poi perdi i freni alla Rascasse con una delle Ferrari storiche più iconiche di Formula 1…”. Queste le parole di sconforto miste a ironia di Charles sul suo profilo ufficiale di Twitter. Il monegasco, in pista a Monaco in occasione del Monaco Historic Grand Prix, aveva tra le mani la celebre Ferrari B3 del 1974 guidata da Niki Lauda quello stesso anno.
Proprio negli ultimi giri della dimostrazione, il giovane di casa ha perso il controllo della vettura e ha picchiato contro le barriere danneggiando il posteriore della vettura. Nonostante tutto, sembra che l’abbia presa piuttosto bene.

Leclerc, cosa combini? Il video dell’incidente

L’impatto non è avvenuto ad alte velocità e, dopo l’incidente, per fortuna senza conseguenze, Leclerc è riuscito a ripartire e tornare ai box, con l’alettone posteriore penzolante. Quanto costerà rimetterlo a posto? Tanta l’incredulità, ,a comunque Ferrari ha confermato che si è trattato di un problema ai freni, che non hanno funzionato come avrebbero dovuto. Charles sembrerebbe dunque assolto. Ma c’è chi crede che questo dimostri quanto sia facile stare alla guida delle odierne monoposto di Formula 1. E voi che ne pensate? E’ davvero così?
Nel mentre, qui il video dell’impatto:

Erika Mauri

Metà brianzola e metà romana, ho una Laurea Triennale in Lingue Straniere e una Laurea Magistrale in Linguistica, entrambe conseguite nella Capitale; da sempre amo scrivere e lavorare con la lingua italiana in tutte le sue forme. Mi definisco una persona dinamica, intraprendente, coraggiosa e amante delle sfide, faccio della mia capacità organizzativa e del problem solving due delle mie qualità migliori, insieme alla facilità di collaborare con altri in gruppo e a un pizzico di anticonformismo. Amo viaggiare e sono appassionata di tecnologia, spazio, cinema, musica, lettura e, ovviamente, di Formula 1.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button