DichiarazioniFormula 1Gran Premio Russia

La Red Bull potrebbe ricevere un’ulteriore sanzione in Russia

Dopo la sanzione di tre posizioni in griglia per l’incidente a Monza, la scuderia austriaca rivela la possibilità di montare un quarto motore sulla monoposto di Verstappen, ricevendo un’ulteriore sanzione

La Red Bull potrebbe ricevere ulteriori penalità in griglia al GP di Russia dopo la decisione di montare la quarta power unit sulla monoposto di Verstappen

Marko, il consulente della Red Bull, non esclude la possibilità di montare la quarta power unit in Russia, incorrendo in un’ulteriore sanzione. Max Verstappen per ora riceverà una penalità in griglia di tre posizioni per aver causato l’incidente con Hamilton lo scorso weekend a Monza. Ma la situazione potrebbe cambiare e il provvedimento peggiorare in seguito alla decisione presa dagli strateghi Red Bull.

Tuttavia l’unità di potenza che Verstappen ha utilizzato a Silverstone è rimasta inutilizzabile dovuto anche in questo caso allo scontro sulla Copse con Lewis Hamilton. Lo stesso Helmut Marko ha sottolineato che la decisione di cambiare motore sia ponderata. Si tratta di un circuito, quello di Sochi, dove si può sorpassare perfettamente, quindi non esclude questa possibilità.

MARKO: “SFRUTTEREMO AL MEGLIO LA PISTA DI SOCHI

“Questo non è ancora stato deciso, ma penso che si possa fare un bel passo avanti a Sochi”, ha risposto Helmut Marko quando gli viene chiesto se Max Verstappen monterà la quarta unità di potenza a Sochi. Il consulente austriaco, d’altra parte, ha sottolineato che quello russo è sempre stato “un circuito Mercedes” in passato, ma la Red Bull è riuscita ad entrare in competizione da subito e ovunque quest’anno, quindi spera di poter sfidare la scuderia di Brackley anche a Sochi.

Ma cosa ne pensa dell’incidente a Monza? Marko ha anche avuto il tempo di dare la sua opinione sulla sanzione a Verstappen dopo l’incidente. Non so se sia giusto. Se messo a confronto con Silverstone in realtà no. Ma cercheremo di sfruttare al meglio Sochi”, ha dichiarato per concludere. Dunque per sapere se la Red Bull riceverà un’altra sanzione in griglia sul circuito di Sochi bisognerà aspettare il GP di Russia il prossimo 26 settembre. 

Maria Sole Caporro

Sono Maria Sole, romana e romanista, laureata in lingue e letterature. Sono da sempre appassionata di motori da quando fin dalla tenera età non potevo andare al mare la domenica perché i miei genitori dovevano vedere il GP. Cresciuta a pane e formula 1 con contorno di letteratura, sono qui per coniugare la mia voglia ed esigenza di scrivere e la passione per le monoposto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.