Formula 1

La FIA proibisce i pannelli nei box per nascondere le vetture

La Federazione cambia le regole per il 2020, decidendo di proibire gli elementi protettivi inseriti dai vari team per nascondere le monoposto durante i test e introducendo nuovamente la bandiera a scacchi fisica

A partire dalla prossima stagione, le varie scuderie presenti in Formula 1 non potranno più nascondere le proprie monoposto agli avversari o agli occhi indiscreti dei media durante i test, secondo una direttiva della FIA

L’accesso visivo gratuito ai box dei team è stato il soggetto dei vari rumors nel weekend del Gran Premio. Le squadre hanno spesso fatto ricorso a pannelli per nascondere le loro vetture nei test, in particolare nei test pre-stagionali quando vengono svelati nuovi progetti. Ma all’inizio di questa settimana, la FIA ha approvato una regola che impedisce ai team di coprire le loro vetture durante i test invernali, al fine di rendere questi eventi più interessanti per i media e i fan.

TORNA LA BANDIERA A SCACCHI PER INDICARE IL TERMINE DELLA GARA

Tra le altre modifiche per il 2020 vi è il ritorno della bandiera a scacchi fisica per segnalare ufficialmente la fine di una gara. La confusione si è generata a Suzuka quando il pannello che è stato utilizzato per segnalare la fine della gara è stato mostrato con un giro di anticipo, perciò la bandiera tornerà ancora una volta dal 2020. La FIA ha inoltre modificato una disposizione delle norme sportive relative ai carichi di carburante aggiungendo una nuova formula “relativa al campionamento e al controllo del carburante durante gli eventi”.

La modifica è stata effettuata in seguito a un problema avvenuto lo scorso fine settimana ad Abu Dhabi, in cui è stata notata una discrepanza tra la quantità di carburante trovata a bordo della Ferrari di Charles Leclerc prima della gara e la quantità dichiarata dalla Scuderia, perciò per evitare che si verifichino altri problemi di questo tipo e successive polemiche, si è ritenuto opportuno apportare ulteriori modifiche.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button