Formula 1

Jean Todt chiama una Formula 1 più competitiva

Il presidente della FIA spera in un aumento della competizione, dopo il recente dominio di team quali Mercedes, Ferrari e Red Bull

Arriva dalla Federazione l’input all’ingresso di nuovi team

Se negli anni 70’ e 80’ si potevano vedere oltre trenta vetture tentare la qualifica a un Gran Premio, la recente crisi economica ha allontanato l’ingresso in Formula 1 sia di grandi colossi automobilistici sia di piccole realtà emergenti nel mondo del motorsport. L’ultimo ingresso di una scuderia risale al 2015, quando è stata la Haas a diventare la decima scuderia dell’attuale griglia di partenza.

Per trovare dodici team al via di un Gran Premio bisogna tornare al 2012, quando solo tre anni prima avevano fatto il loro ingresso Lotus GP (poi diventata Caterham), Virgin Racing (poi Marussia) e HRT. Tuttavia nessuno di queste tre squadre ha avuto la forza di proseguire all’interno del Circus, con la sola Marussia capace di segnare punti Mondiali.

Il presidente della FIA Jean Todt ha dichiarato di auspicare un ritorno di dodici team in griglia, in modo da rendere ancor più avvincente e competitiva la Formula 1. “Preferirei avere 12 squadre” – ha ammesso il presidente FIA a Motorsport Week. “Penso che sia il numero giusto per tenere (competitivo nd.r.) il campionato di Formula 1. Detto questo, potrebbe funzionare anche con dieci team, ma a condizione di avere dieci buoni team competitivi, allora potrebbe funzionare.”

“Penso che la nostra priorità, come già abbiamo detto prima, sia che desideriamo team sani, di qualità più che in quantità. Mi piacerebbe avere una undicesima squadra, ma mi piacerebbe avere una undicesima squadra che sia competitiva, sana e porti qualcosa nello sport. Per me, avere un undicesimo team che si trova in fondo alla pista non sta aggiungendo nulla per i fan che migliorerebbe lo sport”.

“Preferirei 12 squadre sane rispetto a dieci squadre sane, ma non voglio dieci squadre sane e due squadre in difficoltà” – ha voluto ribadire Todt. “Se potessimo essere convinti che sia davvero una squadra vera pronta a partecipare, sarei abbastanza felice di avere 12 squadre in Formula 1.”

“Abbiamo spesso squadre disposte a impegnarsi e sinceramente non siamo mai stati convinti dalla solidità delle squadre. La maggior parte delle persone con cui ho avuto conversazioni preliminari desidera vedere le regole in atto che forniscono il quadro per un modello di business più sano.”

“Vogliamo che possedere una squadra abbia un valore in franchising, come in altri sport. In tal proposito abbiamo parlato di qual è il processo per entrare in un nuovo team, come possiamo rendere il possesso di un nuovo team qualcosa che è una buona proposta commerciale, non solo una ricerca della passione.”

Ricordiamo che al termine del 2020 scadrà il patto della Concordia e non tutti i team, specie alcune squadre top quali Mercedes e Ferrari, si sono dette certe di continuare, a patto di stabilire condizioni favorevoli in vista del nuovo accordo.

Pubblicità

Samuele Fassino

Mi chiamo Samuele, ho 19 anni. Sono un grande appassionato di motori, specie di Formula 1 nella quale spero di lavorare un giorno. Oltre ai motori le mie passioni si estendono al calcio ed alla filosofia anche se, più in generale, mi piace tenermi informato su qualsiasi tema. Sono molto determinato e cerco sempre ottenere il massimo da ogni situazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button