DichiarazioniFormula 1

Jacques Villeneuve: “La FDA è stata utile solo a Leclerc”

Secondo il campione del mondo canadese, il solo Charles Leclerc avrebbe avuto reali vantaggi dall’ingresso nell’Academy

Jacques Villeneuve dubita sull’efficacia dell’FDA nell’aiutare piloti ad entrare in Formula 1: a suo parere il solo Leclerc ne avrebbe tratto un vero beneficio

Jacques Villeneuve punta il dito contro la FDA, mettendo in dubbio la sua efficacia. L’attuale opinionista SKY Sport Italia ha voluto sottolineare come tutti i piloti entrati a far parte dell’Academy, con Charles Leclerc come unica eccezione, avrebbero avuto i mezzi economici per fare il salto in Formula 1 anche senza l’appoggio della scuderia di Maranello.

Attualmente la Ferrari Drivers Academy conta otto talenti, sette dei quali correranno nelle categorie propedeutiche. Mick Schumacher farà invece il salto nella categoria regina, dopo aver ottenuto un sedile in Haas. ‘Baby Schumi’ è il terzo pilota ad esser riuscito a salire in Formula 1 grazie alla FDA. Prima di lui lo hanno fatto Charles Leclerc, attuale pilota di punta del Cavallino e Antonio Giovinazzi, quest’anno alla sua terza stagione in Alfa Romeo.

Secondo il campione del mondo ’97, il solo Leclerc avrebbe ricevuto un vero vantaggio nell’ingresso in FDA: “Fatta eccezione per Leclerc, tutti avevano soldi quando sono entrati nell’Academy. Era l’unico che non aveva budget quando è entrato a farne parte. Gli altri, comunque, avevano un budget considerevole e questo ti aiuta nel tuo percorso”, il commento di Villeneuve tramite un comunicato SKY Italia.

IL COGNOME SARA’ UN PESO PER MICK

“Certo, devi farlo da solo, ma anche senza la Ferrari questi ragazzi sarebbero nella posizione in cui sono oggi. Mick, ovviamente, ha subito molte pressioni negli ultimi anni a causa del suo cognome. Ha sentito la pressione ed è stato in grado di imparare da essa. È una grande differenza rispetto agli altri ragazzi dell’Academy. Il suo cognome aiuta in parte, ma porta anche molta pressione.”

Sempre riferendosi al figlio d’arte Villeneuve ha concluso: La gente vuole vedere subito i tuoi risultati e come i media ti trattano non è facile. Ti chiedono molte cose su tuo padre. È difficile dare risposte, come ad esempio chi vuoi ringraziare dopo un buon risultato.”

Samuele Fassino

Mi chiamo Samuele, ho 19 anni. Sono un grande appassionato di motori, specie di Formula 1 nella quale spero di lavorare un giorno. Oltre ai motori le mie passioni si estendono al calcio ed alla filosofia anche se, più in generale, mi piace tenermi informato su qualsiasi tema. Sono molto determinato e cerco sempre ottenere il massimo da ogni situazione.

Altri articoli interessanti

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.