DichiarazioniFormula 1Gran Premio Stati Uniti

Il GP degli Stati Uniti è a rischio cancellazione

Le autorità sanitarie di Austin fanno sapere che in città sono proibiti grandi eventi fino al 2021. La svolgimento della gara sul Circuit of the Americas è in pericolo

Quando il calendario rivisto della stagione 2020 di Formula 1 sembrava ormai definitivamente stabilito, ecco che sorgono nuovi problemi. Dopo Silverstone, anche Austin potrebbe saltare

Il calendario rivisto della stagione 2020 di Formula 1 non trova pace. Dopo la questione Silverstone-Hockenheim, sorgono nuovi problemi anche per quanto riguarda il GP degli Stati Uniti, momentaneamente previsto per il 25 ottobre sul Circuit of the Americas. La città di Austin si trova ancora nella fase 3 del piano di riapertura dopo il blocco causato dalla pandemia da coronavirus e prima di poter organizzare grandi eventi bisognerebbe passare alla fase 1.

Il Dott. Mark Escott, autorità sanitaria dell’Austin Public Health, ha dichiarato che manifestazioni di così grande portata probabilmente non saranno ammesse per tutto il resto dell’anno. Lo svolgimento del GP degli Stati Uniti potrebbe dunque slittare, o addirittura essere annullato. “I grandi eventi sono la prima cosa che abbiamo bloccato e saranno l’ultima cosa tra le riaperture, a causa dell’elevato rischio di esposizione tra le persone, specialmente tra gli individui dello stesso nucleo familiare”.

NIENTE GP DEGLI STATI UNITI?

“Stiamo già lavorando a un piano ragionevole, da attuare entro la fine di dicembre. In questa fase non abbiamo alcuna indicazione che saremmo in grado di mitigare il rischio, in particolare per le manifestazioni da oltre 2500 persone”. Riferendosi alla F1, ha poi continuato ammettendo di stare lavorando sodo per trovare una soluzione. “Penso sia un incentivo per lavorare sodo, dobbiamo tutti concentrarci sull’obiettivo di porci in una situazione che ci permetterà di riaprire più strutture in futuro, in particolare in autunno”.

Sebbene la F1 stia pensando a corse a porte chiuse, la tassa di hosting della pista statunitense è sostenuta dal programma di fondi fiduciario dello Stato del Texas. Dunque, se una gara senza fan fosse approvata dalle autorità, questo non qualificherebbe il tracciato per un finanziamento statale. Attualmente, il Circuit of the Americas, che ospita il Gran Premio, è ancora chiuso, ma a inizio mese ha ospitato alcuni eventi di beneficenza.

Pubblicità

Alberto Lanzidei

Mi chiamo Alberto, ho 24 anni e la mia passione sono le automobili. Seguo con attenzione il mondo delle corse e in particolare la Formula 1, massima espressione del motorsport. Sin dall'adolescenza il mondo dell'informazione sportiva attirava la mia curiosità, senza immaginare che un giorno ne sarei entrato a far parte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button