DichiarazioniFormula 1

Horner su Mercedes: “Se Hamilton va via, il team fallisce”

Il boss della Red Bull si apre ai micorofoni della famosa serie Drive to Survive, rivelando alcuni dettagli nei retroscena

Uscita ufficialmente la nuova stagione di Drive To Survive, che gia dalle prime ore ha rivelato dichiarazioni piuttosto accese. In particolare, quella di Christian Horner sul rapporto tra Mercedes e il pilota Lewis Hamilton

Per chi non fosse aggiornato sulle ultime novità, Drive To Survive è una produzione Netflix che mira a raccontare i retroscena della categoria regina del motorsport, aggiungendo un ‘pizzico di pepe’, e romanzando maggiormente ciò che accade nella vita reale. Nonostante, quello che viene raccontato nella serie sia frutto di un racconto più vivace, questo non manca il suo obbiettivo principale: affascinare e attirare il suo pubblico. Per questo motivo, a poche ore dalla sua uscita, la serie rivela alcune dichiarazioni da parte del boss della Red Bull, Christian Horner, in merito al rapporto che si cela tra la Mercedes e il campione del mondo Lewis Hamilton, sempre più vicino al ritiro.

Si esprime così in merito:” Se Hamilton si ritirasse, lascerebbe la Mercedes al fallimento. Quali sono effettivamente le opzioni di Toto se lui decidesse di ritirarsi? Li lascerebbe piuttosto scoperti.” In seguito Christian Horner, parla della rabbia di Toto Wolff durante i meeting organizzati durante l’anno. “Credo che per lui sia una sensazione piuttosto brutta, diventare parte dello scenario, e non essere piu in grado di competere. E certe cose necessitano di essere aggiustate. Altrimenti potrebbe portare cose più grandi, e le crepe inizieranno a farsi notare” conclude.

In seguito, ad esprimere un ulteriore parere sulla questione è anche l’ex boss della Ferrari. Mattia Binotto si apre, commentando la situazione e descrivendo le sensazioni percepite su di lui. L’anno 2022 è stato un duro colpo per la Mercedes, che passa dall’essere vincitrice del campionato costruttori per l’ottavo anno consecutivo, a dover lottare con i team del settore centrale, come l’Alpine e la McLaren. “Magari è solo stato messo sotto pressione per la performance in quel momento. Magari il suo aspetto era molto stressato perche durante l’anno ha fatto qualche promessa a qualcuno. Davvero non lo so”

Vittoria Vocino

Nata nel 2002, studentessa di Comunicazione e Giornalismo, contraddistinta da attitudine propositiva e sempre aperta alle sfide, con una proiezione professionale verso il mondo del motorsport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio