Formula 1

Honda: “Situazione tra Vettel e Leclerc come quella tra Senna e Prost”

L’addetto stampa della casa automobilistica giapponese ha parlato della rivalità tra le due leggende della Formula 1, azzardando anche un paragone con i piloti della Ferrari

Il responsabile della comunicazione di Honda Eric Sibermann ha ricordato l’incidente avvenuto nel 1989 in Giappone tra Ayrton Senna e Alain Prost, arrivando anche a fare un paragone con gli attuali piloti Ferrari, ossia Sebastian Vettel e Charles Leclerc.

Penso che sarebbe stato molto peggio se fosse accaduto oggi, con i social network“, ha affermato Sibermann al sito web di Honda. “La gente sapeva già che non andavano d’accordo, Prost aveva detto che Senna aveva ricevuto i migliori motori. Penso che sia giusto dire che Senna era il favorito della Honda e Prost era quello dietro, il pilota affermato che aveva a che fare con nuovi talenti. Non è diverso da ciò che Prost aveva fatto con Niki Lauda e da ciò che oggi Charles Leclerc fa con Sebastian Vettel. La relazione è stata in qualche modo rotta“.

Per la mentalità giapponese, è stato un incidente vergognoso. Per McLaren, sono sicuro che Ron Dennis abbia imparato molto sulla gestione dei piloti lì. I piloti influenzavano molto più di adesso. Ora a volte un pilota si lamenta, ma Senna e Prost stavano scuotendo l’intera squadra. Non aveva senso che la squadra fosse più importante dei piloti. Erano le stelle“.

Ora ai piloti viene detto cosa dire, ma Ayrton e Alain hanno detto quello che pensavano“, ha proseguito Sibermann. “Qualche anno dopo, Prost è stato licenziato dalla Ferrari per aver detto che guidare quell’auto era come guidare un camion. Era come avere un Rottweiler davanti a lui. Potrei girarti e morderti“.

Non c’erano persone che si chiedessero che cosa avremmo twittato, non c’era bisogno costante di informazioni. Abbiamo avuto il tempo di riflettere. La squalifica è costata alla Honda una vittoria in casa. La rivalità è sempre stata positiva per lo sport, quindi questa stagione è stata un po’ migliore perché Lewis Hamilton non è stato solo, ha avuto Max e Charles contro di lui“, ha concluso Eric Sibermann.

Luca Brambilla

Studente universitario all'università di Trento. Redattore presso F1world.it. Appassionato di giornalismo, cinema e sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.