DichiarazioniFormula 1

Hamilton, una nuova prova di forza in Bahrain

Il britannico ritiene che a Sakhir abbia inviato un chiaro messaggio a chi crede che vinca soltanto grazie alla Mercedes

Lewis Hamilton ha vinto il GP del Bahrain lo scorso fine settimana, nonostante la Red Bull avesse la monoposto più performante

Hamilton ritiene che la vittoria del GP del Bahrain sia un messaggio forte e chiaro per chi afferma che con una Mercedes chiunque possa salire sul primo gradino del podio. Hamilton spiega chiaramente che la sua prestazione serve a dimostrare che i suoi sei titoli alla Mercedes non sono arrivati soltanto grazie alla vettura. Ma giustamente per gran parte grazie anche al suo talento. Tuttavia, Hamilton sottolinea che non è la prima volta che la prestazione da lui effettuata rivendica i successi ottenuti.

“Penso che la gara di domenica sia stata sicuramente una buona occasione per dimostrare alle persone che a volte si sbagliano. Penso che ci siano state diverse opportunità anche in passato per dimostrare ciò, perché sono in Formula 1 da molto tempo ormai. Comunque spero che ci siano molte più opportunità in futuro per mostrare cosa sono in grado di fare, come ho fatto anche in Bahrain”, ha così dichiarato Lewis Hamilton in merito alla gara disputata durante il GP del Bahrain. Hamilton ha vinto dopo che Verstappen ha dovuto rinunciare alla posizione dopo un controverso sorpasso.

IL RITMO DELLA RED BULL E’ SUPERIORE A QUELLO DELLA MERCEDES

Tuttavia, il ritmo del team di Milton Keynes è stato superiore sia in qualifica che in gara. Il britannico ha messo in luce l’incertezza che regna in questo momento intorno alle prestazioni che sia Mercedes che Red Bull avranno su ogni tracciato. “Penso che il ritmo della Red Bull sia incredibilmente forte, come avrete notato. Attualmente perciò credo che non potremmo contrastarli in qualifica. Onestamente non sappiamo con certezza quanto riusciranno a esserci vicini e se in base al circuito su cui disputeremo la gara, saremo noi ad avere la meglio, oppure loro” ha così concluso il sette volte campione del mondo.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.