DichiarazioniFormula 1

Hamilton smentisce le voci: “Non parlo con Horner da anni”

Il pilota della Mercedes mette a tacere le voci che lo avrebbero voluto vicino alla Red Bull fornendo la sua versione dei fatti

Lewis Hamilton smentisce quanto affermato da Christian Horner. Quest’ultimo ha infatti affermato che il pilota inglese lo avrebbe contattato per iniziare una trattativa con lo scopo di ottenere un sedile in Red Bull

Lewis Hamilton ha smentito le affermazioni secondo le quali avrebbe avvicinato Christian Horner all’inizio della stagione per possibilità di guidare in Red Bull, affermando invece che è stato il Team Principal a prendere i primi contatti. Hamilton aveva cominciato la stagione senza un contratto per il 2024 con la Mercedes.

Ciò ha portato a numerose speculazioni da parte dei media sul fatto che avrebbe potuto terminare il suo decennale periodo con le Frecce d’Argento e firmare per uno dei loro rivali nel paddock. Tuttavia il britannico ha messo a tacere queste voci quando, a settembre, ha annunciato di aver firmato un prolungamento del contratto di due anni con la Mercedes.

Prima dell’annuncio ufficiale però, Hamilton era stato dato come il desiderio proibito della Ferrari, cosa che lo stesso pilota ha negato dall’inizio dell’anno. Nell’ultima settimana però è spuntata un’altra persona che ha affermato di essere stata contattata dal sette volte campione del mondo in persona. Tale figura risulta essere niente poco di meno che il Team Principal della Reb Bull, Christian Horner. Più precisamente, quest’ultimo ha affermato che un membro del team di Hamilton lo avrebbe contattato in merito alla possibilità del britannico di unirsi alla Red Bull nel 2024.

Hamilton smentisce le voci e offre la sua versione dei fatti

Parlando in vista del finale di stagione di questo fine settimana ad Abu Dhabi, Hamilton è stato interrogato sui commenti di Horner. Il sette volte campione del mondo ha affermato: “Non mi sono avvicinato a Christian. Ad essere proprio sincero non parlo con Christian da anni e nessuno della mia squadra lo fa. Al contrario, è stato lui che mi aveva contattato proponendomi un incontro a fine stagione. Io gli ho risposto augurandogli il meglio e congratulandomi con lui per la splendida stagione della sua squadra, sperando di poter gareggiare nel prossimo futuro“.

Hamilton si dedicherà ora alla pista, dove la Mercedes deve affrontare un’intensa competizione con la Ferrari per il secondo posto nel Campionato Costruttori. Il vantaggio della Scuderia è di soli quattro punti e Hamilton sa che lui e la sua squadra hanno il loro bel da fare se vogliono arrivare in testa. In merito a ciò ha dichiarato: “Voglio dire, vorrei che non fossimo nella posizione in cui siamo. Ma credo che questo significhi che dobbiamo lavorare di più questo fine settimana e sono sicuramente emozionato per la battaglia. Non so cosa riusciremo a fare, le Ferrari sono spesso molto veloci qui, ma sono sicuramente fiducioso“.

 

Margherita Ascè

Mi chiamo Margherita, ho 20 anni e studio Comunicazione, Innovazione e Multimedialità all’Università di Pavia. Sono da sempre una grande appassionata di sport con un debole per i motori. Sogno di diventare pit lane reporter della Formula 1 per raccontare e vivere in prima persona le emozioni che solo questo sport sa regalare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio