Formula 1Gran Premio Arabia Saudita

Haas, Steiner: “Puntavamo a qualcosa di più ma siamo contenti”

Quattro mesi per veder cambiare tutto, dai zero punti accumulati lo scorso anno ai dodici presi in appena due gare. C’è felicità nella squadra americana che comunque a Jeddah non è andata come avrebbero voluto

In Arabia Saudita le cose non sono filate liscissime per il team americano, ciononostante Kevin Magnussen è riuscito ad andare a punti. Per questo Günther Steiner ha espresso rammarico dicendosi comunque felice per i risultati della sua Haas

La nuova stagione di Formula 1 si è aperta alla grande per i motorizzati Ferrari, ed in particolar modo per la Haas. Dalla prima doppietta Kevin Magnussen ha portato a casa la bellezza di dodici punti facendo dimenticare alla squadra americana un 2021 chiuso all’ultimo posto con zero punti all’attivo. Al termine della giornata di ieri Günther Steiner non ha mancato di ribadire il livello di cui può vantare la VF22, nonostante il fine settimana saudita non sia stato allo stesso livello di quello del Bahrain.

All’esordio a Sakhir il danese, appena rientrato nel Circus, ha stupito per il quinto posto. Risultato frutto del doppio ritiro delle Red Bull, ma soprattutto di una competitività fino a poco fa insperata. Un’occasione in cui Mick Schumacher è finito undicesimo complice anche il contatto in partenza con Esteban Ocon. A Jeddah le cose sono state un po’ più complicate. Con Mick protagonista di un brutto incidente in qualifica che non gli ha permesso di prendere parte alla gara (causa stato della vettura); e con Kevin alle prese con uno stato fisico non ottimale.

A rendere più difficile la vita al pilota della Haas ci si sono messe scelte sbagliate sulle mescole con cui partire e le vicissitudini del Gran Premio. Eppure è arrivato un nono posto. Tanto che il commento del classe ’92 al termine è stato: “Sono felice, la macchina sta andando forte. Se riusciamo a continuare così, sono sicuro che possiamo andare a punti anche nella prossima tappa in Australia”.

DUE PUNTI? DELUDENTI, MA GUARDANDO ALL’ANNO SCORSO…

Così si è espresso giocosamente invece il TP altoatesino al podcast Speed City (come riportato da SoyMotor): “È sempre deludente. Ma se ci pensi, l’anno scorso per ottenere due punti avrei dovuto dormire con tutto il paddock“. Continuando con: “É stata nuovamente una buona giornata ed abbiamo guadagnato dei punti. Ovviamente avevamo in programma di prendere di più, ma siamo contenti di quello che abbiamo ottenuto. E finché continueremo ad andare a punti saremo felici”.

“Siamo partiti con una strategia diversa scommettendo sulla gomma dura rispetto ai nostri rivali, e sfortunatamente la Safety Car è uscita al momento sbagliato. Kevin ed il team hanno lottato per tornare in zona punti ed è stato bello arrivarci. La motivazione è grande e non vediamo l’ora di raggiungere Melbourne e, si spera, di prendere qualche altro punticino con entrambe le monoposto, ha detto per concludere Steiner sulla Haas.

Silvia Quaresima

Il mio amore per la Formula 1 é sempre stato lì con me, fin da quando ho ricordo delle vittorie di Michael in rosso. Ma con il tempo è cresciuto così tanto che ora c’è voglia di esserne parte e di raccontarla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.